La fiera #LettoriAllaPari: la lettura labiale

La fiera #LettoriAllaPari è la prima fiera italiana dedicata interamente ai libri accessibili. Un’occasione per divulgare opere, incontrare autori e lettori, avviare dibattiti, laboratori e tavole rotonde sul diritto all’accessibilità, nata all’interno del progetto “Lettori alla Pari” (bit.ly/progetto_LettoriAllaPari).

A #Terlizzi, presso il MAT Laboratorio Urbano, nelle tre giornate del 17, 18 e 19 settembre faremo incontrare editori, associazioni ed enti, pugliesi e non, che si occupano di accessibilità. Faremo conoscere le produzioni accessibili e le forme che il libro tradizionale può assumere per garantire a tutti e tutte il diritto e il piacere di leggere: dai libri in simboli e inbook agli audiolibri, dai libri in Braille ai Silent Book. Ragioneremo, attraverso seminari e laboratori aperti a genitori, educatori, operatori culturali, librai, bibliotecari e quanti altri interessati, su quali possibilità ci sono per generare inclusività attraverso il fare cultura.

►►► Scopri gli espositori: bit.ly/LaP2021_Espositori
►►► Scopri gli ospiti: bit.ly/LaP2021_Ospiti
►►► Leggi l’intero programma: bit.ly/fiera_LettoriAllaPari_2021

Ogni serata della fiera si chiuderà, inoltre, con un evento artistico:
17 settembre, ore 21
► Presentazione del libro inbook “A Said piaceva il mare” e reading con l’attore Roberto Spagnulo

18 settembre, ore 20:30
► Spettacolo teatrale interamente accessibile “Le avventure del piccolo burattino” a cura dell’Associazione Li.Fra Teatro Oltre il Silenzio

19 settembre, ore 20:00
► Evento musicale con l’orchestra sociale “Musica in gioco” diretta dal maestro Andrea Gargiulo

BIGLIETTI:
►►► Acquista i biglietti: bit.ly/LaP2021_biglietti

——–

La fiera “Lettori alla Pari” nasce all’interno del progetto “Lettori alla Pari” promosso da edizioni la meridiana e finanziato dal FSC 14-20: Patto per la Puglia. CUSTODIAMO LA CULTURA IN PUGLIA 2021 – Misure di sviluppo per lo spettacolo e le attività culturali – D.G.R. n. 1570/2020 – A.D. 499/2020.
La fiera presenta anche una bellissima novità presentata da Elvira Zaccagnino de La Meridiana.
“Sono arrivate qualche giorno fa per la Fiera “Lettori alla Pari” le mascherine per la lettura labiale realizzate dall’ Emporio Etico by Filò
Ne ho indossata una e lo ha fatto anche una mia collega.
E ci siamo parlate.
Allora mi è venuto un pensiero. Di quelli che partono per la tangente, ma forse indirizzano nel verso giusto.
Se, lo scorso anno, il Ministero dell’Istruzione avesse investito in mascherine labiali per tutti gli alunni e gli studenti piuttosto che in quelle arrivate nelle scuole, forse i bambini e i ragazzi avrebbero visto il sorriso degli altri compagni, le maestre avrebbero conosciuto le loro espressioni. La relazione, anche educativa, ne avrebbe giovato.
Le mascherine labiali tengono scoperta una parte di viso, non ci rendono anonimi e riducono la distanza.
Ci si vede, proteggendosi.
Se invece di pensarle come un ausilio per i sordi le avessimo immaginate come uno strumento nella scuola per ridurre la distanza relazionale, forse meno bambini e bambine, ragazzi e ragazze sarebbero oggi segnati da tutte le paure, i traumi che la pandemia ha creato.
Forse questo dobbiamo imparare a fare: allargare il concetto di accessibilità. In fondo con il disagio fisico e relazionale la scuola da marzo 2020 sta facendo i conti.
Basta un po’ di curiosità e far divergere il pensiero. E magari investire mettendo al centro il bene primario nella scuola e nella vita: la relazione.
Qualcuna direbbe che dobbiamo imparare a lasciarci ribaltare (vero Lucia Suriano ?)
Ecco Lettori alla Pari almeno a me sta già insegnando a divergere e ribaltare per convergere in una comunità più incusiva e per tutti. E grande merito di questo lo devo a Martina Gerosa”.

Promo