Puglia. Farmaci a scuola, protocollo per studenti che seguono terapie

Recependo le linee guida del Ministero della Salute, la Puglia è una delle prime Regioni italiane ad attuare un protocollo che consente la somministrazione di farmaci agli studenti che seguono terapie anche in orario scolastico. Lo rende noto Mino Borraccino, Consigliere del Presidente della Regione Puglia per l’attuazione del Piano Taranto. Dopo l’approvazione in Giunta infatti, grazie all’impegno del Presidente Emiliano, è stato firmato l’accordo tra Regione Puglia, Asl e Ufficio scolastico regionale (Usr) che estende a pieno il diritto allo studio a tutti gli studenti, in particolare a quelli affetti da patologie croniche, grazie al modello di equilibrio creato tra genitori, scuole, ufficio scolastico regionale e sistema sanitario. Il protocollo prevede l’intervento delle Asl con personale qualificato in orario scolastico per somministrazioni che richiedessero specializzazioni o capacità tecniche, diversamente l’attività potrà essere erogata da personale adulto non sanitario: la somministrazione è infatti regolata da protocolli medici ed è necessaria solo una formazione in situazione nell’ambito dei protocolli della sicurezza sul lavoro.

Le somministrazioni saranno effettuate solo quando non possano avvenire al di fuori dell’orario scolastico e la mancata assunzione del farmaco possa causare danni alla salute degli studenti e su richiesta scritta dei genitori-tutori con prescrizione medica. Una formazione specifica sarà fornita al personale scolastico. Potranno somministrare i farmaci: i genitori-tutori, gli stessi studenti in auto somministrazione se maggiorenni o autorizzati dai genitori, dal personale scolastico e dal personale del servizio sanitario regionale. Specifici locali saranno dedicati alla somministrazione e alla eventuale conservazione dei farmaci.

Promo