Grande musica con il concerto “Alla scoperta dell’America” con l’Orchestra della città Metropolitana di Bari

È un evento che rientra nel cartellone delle iniziative per l’Estate 2021 del Comune di Molfetta, organizzato dall’Associazione di promozione Turistico-Culturale Pro Artibus di Molfetta.

Si tratta del concerto “Alla Scoperta dell’America” con la straordinaria partecipazione dell’Orchestra della Città Metropolitana di Bari diretta dal maestro Delta David Gier e l’esibizione del celebre pianista Emanuele Arciuli.

Siamo molto onorati di ospitare a Molfetta personalità dello spessore artistico ed umano quali quelle del maestro Delta David Gier e del maestro Emanuele Arciuli” – sottolinea il presidente dell’Associazione Pro Artibus Graziano Antonio Salvemini.

Infatti il direttore musicale della South Dakota Symphony Orchestra, Delta David Gier, conta al suo attivo direzioni musicali con le più celebri orchestre musicali statunitensi (la New York Philharmonic di cui è stato per 15 anni assistente alla direzione, la Philadelphia Orchestra, la Cleveland Orchestra, la Chicago Symphony, la St. Louis Symphony e la Minnesota Orchestra) oltre a collaborazioni con innumerevoli orchestre in tutto il mondo.
Docente ospite presso il Curtis Institute, la Yale School of Music, il Conservatorio di San Francisco e il SUNY Stony Brook, ha presieduto nel 2011 la giuria musicale del Premio Pulitzer, ma ci piace parlare di lui come ideatore ed organizzatore del Lakota Music Project, nato per affrontare le tensioni razziali tra nativi americani e bianchi nella regione in cui opera la South Dakota Symphony Orchestra; di fatto, il Lakota Music Project è un progetto musicale che affronta una storia di tensioni razziali, costruendo ponti tra bianchi e indiani d’America attraverso il ruolo che la musica gioca nelle rispettive culture, cercando di generare comprensione e condivisione tra popoli estranei.

Il pianista Emanuele Arciuli suona regolarmente per alcune fra le maggiori istituzioni musicali. In Italia, ad esempio, collabora con orchestre come il Maggio Musicale Fiorentino, la Fenice di Venezia, il Comunale di Bologna, il Teatro Petruzzelli di Bari e l’Orchestra Verdi di Milano; suona in recital al Teatro alla Scala di Milano, al San Carlo di Napoli, per l’Arena di Verona, etc. È stato invitato da festival quali il Festival dei Due Mondi di Spoleto, Settembre Musica di Torino, Ravenna, Ravello, RedCats di Los Angeles, Miami Piano Festival etc.
Tra le orchestre con cui ha suonato in ambito internazionale, ricordiamo Rotterdam Philharmonic, Brussel Philharmonic, Residentie Orkest Den Haag al Concertgebouw di Amsterdam, RTSI di Lugano, Brucknerorchester Linz, Tonkünstler di Vienna (al Musikverein, per Wien Modern), Filarmonica di San Pietroburgo, Saint Paul Chamber Orchestra, Indianapolis Symphony Orchestra e molte altre.
Accanto al repertorio più tradizionale, che continua a frequentare con assiduità, Emanuele Arciuli suona moltissima musica del nostro tempo. Nel 2011 gli è stato conferito il premio della critica musicale italiana “Franco Abbiati” come miglior solista dell’anno; tra gli altri riconoscimenti, una anche nomination per i Grammy Award per il cd dedicato a George Crumb.
Incide per Stradivarius, Chandos, Vai, Innova Records, Bridge, Wergo. Recentissimo Walk in Beauty, una ricca antologia di musica americana. Il suo interesse per la musica americana si è concretizzato anche nella scrittura di alcuni libri e in alcune lezioni, sia radiofoniche, che televisive, per Sky Classica, Rai Radio3 e Radio svizzera di Lugano.
Insegna pianoforte all’Accademia di Pinerolo e al Conservatorio “Piccinni” di Bari, tiene regolarmente workshop per numerose università degli Stati Uniti, dove si reca dal 1998 ed ha tenuto oltre quaranta tournée.

Appuntamento quindi presso la Parrocchia San Giuseppe a Molfetta martedì 21 settembre a partire dalle ore 21:00.

L’ingresso sarà gratuito, ma sarà assolutamente necessario, per le normative Covid esistenti, prenotare e ritirare il pass che darà diritto all’ingresso.

Ester Spadavecchia

Promo