La scuola internazionale di volo dell’Aeronautica Militare di Galatina compie 75 anni

Un bel traguardo per una delle scuole militari più prestigiose d’Italia.

A Galatina, la Scuola internazionale di volo dell’Aeronautica Militare, meglio conosciuta come il “Nido delle Aquile” compie 75 anni.

Le Aquile infatti sono i piloti militari e non, che si addestrano e si formano nella scuola salentina, provenienti da ogni parte.

L’anniversario è stato celebrato dai vertici dell’aeronautica e dalla pattuglia acrobatica nazionale delle Frecce Tricolori che è atterrata sulla pista dell’aeroporto Fortunato Cesari, esibendosi davanti alle autorità e ai cittadini intervenuti.

Erano presenti il capo di stato maggiore della Difesa, generale Enzo Vecciarelli, e il generale Alberto Rosso, capo di stato maggiore dell’Aeronautica che ha ricordato: “La vocazione di Galatina è e rimarrà quella dell’addestramento e non prevediamo di inserire capacità operative ma c’è un’evoluzione nella capacità addestrativa della Forza armata tant’è che potete vedere, intorno all’aeroporto, costruzioni in corso per nuovi investimenti infrastrutturali. Qui si concentrerà la parte di volo più basica, in termini tecnici la seconda e terza fase, e questa diventerà il cuore dell’attività di volo con il nuovo velivolo Aermacchi 345 che sostituirà il 339 delle Frecce Tricolori“.

Il generale Vecciarelli ha assistito alla consegna delle aquile che riconosce formalmente l’ottenimento del brevetto di volo a 28 piloti, tra cui allievi italiani, greci e austriaci.

Hanno conseguito il brevetto anche tre vigili del fuoco e un militare della Guardia di finanza.

La giornata di festa, arricchita da una parata volante che ha visto la partecipazione straordinaria di velivoli storici e dei modernissimi F-35, si è chiusa con l’esibizione delle Frecce, che ha tenuto tutti i presenti con il naso all’insù per oltre venti minuti.

Mimmo Spadavecchia

Promo