Perde 22 kg in tre mesi. Giovanni Ciacci: “Vi svelo i segreti della mia nuova forma fisica”

Giovanni Ciacci è un famosissimo consulente di stile, costumista e curatore d’immagine italiano, spesso presente in veste di opinionista in vari programmi del piccolo schermo.

Lontano dalle telecamere e dai salotti televisivi, lo stylist appare rinato ed esibisce soddisfatto sui social una nuova forma fisica.

𝐇𝐚𝐢 𝐩𝐞𝐫𝐬𝐨 𝟐𝟐𝐤𝐠 𝐢𝐧 𝐬𝐨𝐥𝐢 𝟑 𝐦𝐞𝐬𝐢. 𝐃𝐚 𝐝𝐨𝐯𝐞 𝐧𝐚𝐬𝐜𝐞 𝐪𝐮𝐞𝐬𝐭’𝐞𝐬𝐢𝐠𝐞𝐧𝐳𝐚 𝐝𝐢 𝐜𝐚𝐦𝐛𝐢𝐚𝐫𝐞 𝐟𝐨𝐫𝐦𝐚?

Negli anni ho sempre fatto la fisarmonica facendo su e giù. A “Ballando con le stelle” avevo perso 40kg, poi ripresi.

Dopo il COVID sarei dovuto partire per “L’isola dei famosi”, ma avendo fatto delle visite prima delle partenza mi avevano riscontrato dei gravi problemi di salute. Il peso incideva, quindi per evitare complicazioni sono stato tre mesi in Sicilia al Domina Zagarella Sicily, e grazie all’aiuto di dietologi, nutrizionisti, ballerini, insegnanti di ginnastica che mi hanno fatto da personal trainer e cuochi che mi preparavano quello che volevo sono riuscito a tornare in forma. Il percorso però è ancora lungo, devo perderne altri 20!

𝐑𝐢𝐦𝐚𝐧𝐞𝐧𝐝𝐨 𝐢𝐧 𝐭𝐞𝐦𝐚 𝐟𝐢𝐬𝐢𝐜𝐨. 𝐋𝐚 𝐟𝐢𝐫𝐦𝐚 𝐜𝐡𝐞 𝐜𝐨𝐧𝐭𝐨𝐫𝐧𝐚 𝐢𝐥 𝐭𝐮𝐨 𝐯𝐨𝐥𝐭𝐨 𝐞̀ 𝐢𝐥 𝐩𝐢𝐳𝐳𝐞𝐭𝐭𝐨 𝐚𝐳𝐳𝐮𝐫𝐫𝐨. 𝐂’𝐞̀ 𝐮𝐧 𝐩𝐚𝐫𝐭𝐢𝐜𝐨𝐥𝐚𝐫𝐞 𝐦𝐨𝐭𝐢𝐯𝐨?

L’ho fatto una volta quando facevo una trasmissione su Rai2, avrei dovuto tenerlo solo un giorno. La sera della Scala poi ebbe un gran successo che tutti rimasero impressionati. Mi è piaciuto e l’ho tenuto.

Il colore poi ricorda quello dei capelli di una mia cara amica, Loredana Bertè.
Come lei anch’io sono un cane sciolto. Mi piace la parola libertè in tutte le sue sfaccettature. Libertè, Bertè!

𝐑𝐞𝐜𝐞𝐧𝐭𝐞𝐦𝐞𝐧𝐭𝐞 𝐡𝐚𝐢 𝐝𝐢𝐜𝐡𝐢𝐚𝐫𝐚𝐭𝐨 𝐜𝐡𝐞 𝐥𝐚 𝐭𝐯 𝐬𝐢𝐚 𝐮𝐧’𝐢𝐧𝐟𝐞𝐫𝐧𝐨, 𝐞 𝐜𝐡𝐞 𝐩𝐫𝐞𝐟𝐞𝐫𝐢𝐫𝐞𝐬𝐭𝐢 𝐜𝐨𝐥𝐭𝐢𝐯𝐚𝐫𝐞 𝐩𝐨𝐦𝐨𝐝𝐨𝐫𝐢 𝐞 𝐩𝐚𝐭𝐚𝐭𝐞..

..e aggiungo cavolfiori e carciofi!
La tv non è un inferno, la definirei Kabul oggi come oggi, piena di talebani che ti fanno esplodere da un momento all’altro, oppure devi esplodere o far esplodere da un momento all’altro.

Dato che stare sotto i cecchini non mi piace, la televisione per me sarà presa con il contagocce.

Io resto sempre una regina, sia che sto in video in prima serata, che lavorando al McDonald. La corona dalla testa non mi cade mai.

𝐇𝐚𝐢 𝐦𝐚𝐢 𝐩𝐞𝐧𝐬𝐚𝐭𝐨 𝐝𝐢 𝐜𝐨𝐧𝐝𝐮𝐫𝐫𝐞 𝐮𝐧 𝐩𝐫𝐨𝐠𝐫𝐚𝐦𝐦𝐚?

No, perché sono una spalla, spesso sottovalutata ma non un conduttore. La spalla è un ruolo che arriva dalla commedia dell’arte, c’era Arlecchino.. ma c’era Pantalone, c’era Totò.. e c’era Peppino, c’è stata Caterina Balivo.. e c’è stato Giovanni Ciacci.

Per tanta gente sono stato un valido aiuto.

𝐂𝐨𝐦𝐞 𝐭𝐢 𝐢𝐦𝐦𝐚𝐠𝐢𝐧𝐢 𝐭𝐫𝐚 𝐯𝐞𝐧𝐭’𝐚𝐧𝐧𝐢? 𝐇𝐚𝐢 𝐮𝐧 𝐬𝐨𝐠𝐧𝐨 𝐝𝐚 𝐫𝐞𝐚𝐥𝐢𝐳𝐳𝐚𝐫𝐞 𝐨 𝐪𝐮𝐚𝐥𝐜𝐨𝐬𝐚 𝐜𝐡𝐞 𝐧𝐨𝐧 𝐡𝐚𝐢 𝐚𝐧𝐜𝐨𝐫𝐚 𝐟𝐚𝐭𝐭𝐨?

Meraviglioso amore, in una casa al mare.
Vorrei girare il mondo.. non l’ho ancora fatto perché ho paura di stare sugli aerei per più di due ore e mezza. Mi piace scrivere libri, “La contessa” è alla quinta edizione.

Ho due libri in testa, uno sarebbe una guida per gli italiani e i turisti esteri dei luoghi e dei posti del cinema che hanno attinenza con gli Oscar o con i grandi premi del cinema Internazionale.

𝐄̀ 𝐚𝐩𝐩𝐞𝐧𝐚 𝐭𝐞𝐫𝐦𝐢𝐧𝐚𝐭𝐨 𝐢𝐥 𝐅𝐞𝐬𝐭𝐢𝐯𝐚𝐥 𝐝𝐞𝐥 𝐂𝐢𝐧𝐞𝐦𝐚 𝐝𝐢 𝐕𝐞𝐧𝐞𝐳𝐢𝐚. 𝐋𝐞 “𝐏𝐚𝐠𝐞𝐥𝐥𝐞 𝐝𝐢 𝐂𝐢𝐚𝐜𝐜𝐢” 𝐬𝐨𝐧𝐨 𝐝𝐨𝐯𝐞𝐫𝐨𝐬𝐞. 𝐂’𝐞̀ 𝐪𝐮𝐚𝐥𝐜𝐮𝐧𝐨 𝐜𝐡𝐞 𝐭𝐢 𝐡𝐚 𝐬𝐨𝐫𝐩𝐫𝐞𝐬𝐨 𝐢𝐧 𝐪𝐮𝐞𝐬𝐭’𝐞𝐝𝐢𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞?

Il Festival non è più un Festival di cinema ma delle vanità. Ormai tutti vanno per presentare qualcosa, dalle influencer agli attori delle fiction.

Io sarei un più selettivo, farei come fanno i francesi, il red carpet lo farei fare a chi fa cinema o deve ritirare un premio, gli ospiti e tutti gli altri li farei entrare dalle entrare laterali.

𝐒𝐞𝐢 𝐢𝐧𝐧𝐚𝐦𝐨𝐫𝐚𝐭𝐨?

Sempre! Sono innamorato dell’amore.

 

VINCENZO DE MARINO

Promo