Puglia: Pagliaro (Lpd), porre paletti a impianti energetici

“Valutazione d’impatto ambientale: è in quest’autorizzazione che si gioca la partita del sì o del no agli impianti energetici da fonti rinnovabili. Le cosiddette energie pulite che pretendono di avere licenza di distruggere il territorio, divorando suolo agricolo, vetrificando le campagne e innalzando spaventose torri eoliche che sfigurano il paesaggio. A questa avanzata bisogna opporsi con chiarezza, ponendo paletti inamovibili, preservando i suoli agricoli”. Lo dichiara Paolo Pagliaro, capogruppo in Consiglio regionale pugliese de “La Puglia Domani”, al termine dell’audizione che si e’ svolta oggi nelle commissioni Ambiente e Sviluppo economico.

“Finche’ – sostiene – ci saranno zone grigie e rimpallo di responsabilità, i giganti delle rinnovabili continueranno ad aggredire la nostra terra. Sono circa 370 le richieste pendenti dal Gargano al Salento, senza contare le istanze presentate alla Città metropolitana di Bari e al ministero, anche per le centrali a biomasse e biogas. Dati solo parziali, che fotografano una situazione di grave pericolo per agricoltura e turismo, le due leve dell’economia regionale”.

Promo