Scuola: Pd Puglia, serve alternativa a scaglionamento ingressi

“Chiediamo al prefetto di Bari una valutazione più approfondita” sulla scelta di scaglionare gli ingressi a scuola nel Barese e “invitiamo al contempo il governo regionale a istituire subito un tavolo tecnico al fine di stimare e proporre soluzioni alternative per i trasporti, in modo che questo anno scolastico possa cominciare al meglio”: lo dichiara il segretario del Pd Puglia, Marco Lacarra.

“Il Partito democratico della Puglia – spiega – è vicino al mondo della scuola ed è consapevole delle complicazioni che deriveranno dall’ordinanza del Prefetto di Bari che impone uno scaglionamento orario degli ingressi nelle scuole superiori di secondo grado della città metropolitana di Bari al fine di non caricare eccessivamente le linee di trasporto gravate dalla riduzione all’80% della loro capienza per fronteggiare il rischio di contagio da Covid-19. Questo – sostiene – avrà notevoli ripercussioni sull’organizzazione della vita scolastica. Nessuna certezza peraltro è garantita dalle aziende di trasporto per quanto riguarda l’offerta relativa alle corse di rientro, mentre è certo un notevole investimento economico per il raddoppio di tutte le linee di prima mattina”. “Un numero considerevole di studenti – conclude – a seguito di questa decisione, sarà costretto a rinunciare a tante attività che integrano la loro crescita (sportive, culturali, associative); molti docenti saranno costretti a permanere a scuola dalle ore 8,00 alle ore 16,00 ininterrottamente; ci saranno studenti che dovranno saltare il pranzo e famiglie che dovranno stravolgere la propria organizzazione”.

Promo