Beppe Bratta su Festival dell’Economia a Bari: “Occasione da non perdere”

“Non possiamo farci sfuggire questa occasione”. Beppe Bratta, presidente del Distretto Produttivo Pugliese La Nuova Energia, commenta la proposta lanciata dal consigliere comunale di Fratelli d’Italia Filippo Melchiorre di portare nel capoluogo pugliese il Festival dell’Economia lanciato nel 2006 a Trento dall’editore Giuseppe Laterza. “Il progetto – spiega Bratta – è lungimirante, soprattutto in un momento come questo: la Puglia è protagonista nel percorso europeo verso la decarbonizzazione, e portare a Bari una rassegna che nelle sue varie edizioni ha riunito e coinvolto importanti professionalità – finanche premi Nobel –, trattando e coinvolgendo i cittadini su temi di stretta attualità, permetterebbe non solo arricchire la città di un’esperienza già collaudata e di altissimo profilo, ma anche di capitalizzare e accrescere quanto già fatto negli ultimi anni in tema di turismo congressuale.

L’importante sfida che la nostra regione ha raccolto, e che ha messo al centro del suo sviluppo le politiche green, ci impone di contribuire sia alla definizione di schemi di business che rinforzino il settore che all’individuazione di modelli economici propedeutici all’obiettivo della transizione energetica. Un ruolo determinante sarà svolto dal percorso di sburocratizzazione dei processi autorizzativi e dei regolamenti che, se portato a buon fine, faciliterà la strada verso lo sviluppo sostenibile.

L’arrivo di questo Festival in Puglia – continua Bratta – si sposerebbe dunque perfettamente con l’importante momento che la nostra Regione sta vivendo: l’accelerata nella produzione dell’idrogeno verde, con la realizzazione dei tre impianti a Brindisi, Taranto e Cerignola, rende la nostra regione – nel difficile percorso verso la decarbonizzazione – protagonista in tema di Sostenibilità e Green Economy. Nella naturale e stimolante competizione tra città che si sta creando in queste ore – continua Bratta – occorre non perdere neanche un minuto di tempo. Le istituzioni locali, Regione Puglia e Città Metropolitana, non possono farsi sfuggire l’occasione di conquistare un’esperienza che avrebbe importantissime ricadute sul territorio”.

Promo