Mafia: protocollo ‘Liberi di scegliere’ Regione Puglia e Libera

“E’ molto importante quello che sta avvenendo in questa Regione e mi auguro che altre regioni si muovano in tal senso. Mi fa piacere essere qui per ricordare un amico, Stefano, un ragazzo fortemente impegnato anche con Libera in Messico, in questa regione a cui è dedicata la Fondazione, e per firmare il protocollo sul progetto ‘Liberi di scegliere'”.

Lo ha detto don Luigi Ciotti al termine della sottoscrizione da parte della Regione Puglia del protocollo ‘Liberi di scegliere’, promosso dall’Associazione Libera, per la realizzazione di una rete sociale a tutela dei minori nei contesti di criminalità organizzata, firmato anche dal ministero della Giustizia per il tramite della Direzione interregionale Puglia-Basilicata Centro per la giustizia minorile, dal ministero dell’Istruzione, università e ricerca per il tramite dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia, dalla Direzione distrettuale antimafia, dalla Conferenza episcopale pugliese, dal Tribunale per i minorenni di Bari, dalla procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Bari, dal Garante regionale dei diritti del minore, dal Garante regionale dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà.

Obiettivi del protocollo firmato sono quello di formare una rete di supporto (educativa, psicologica, logistica, scolastica, economica e lavorativa), nei contesti di criminalità organizzata del territorio regionale, ai minori e ai nuclei familiari destinatari dei provvedimenti giudiziari (penali o civili) del Tribunale per i minorenni di Bari, al fine di garantire concrete alternative di vita. E fornire una rete adeguata di supporto ai minori e agli adulti di riferimento che, autori o vittime di reati, desiderino affrancarsi dalle logiche criminali, senza assumere lo status di testimone o collaboratore di giustizia.

L’occasione è stata propizia per presentare la Fondazione ‘Stefano Fumarulo’, dirigente regionale prematuramente scomparso che è stato un grande promotore e innovatore di queste politiche.

Promo