«Fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca e venne il diluvio e li fece morire tutti», il caffè spirituale

CAFFÈ SPIRITUALE
VENERDÌ, 12 NOVEMBRE 2021
SAN GIOSAFAT, VESCOVO E MARTIRE – MEMORIA
====☕====

—–•••—–

«Secondo l’alleanza del Signore e le leggi dei padri,
i santi di Dio sono rimasti nell’amore fraterno:
in loro vi erano un solo spirito e una sola fede.»

✠ Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

VANGELO
Così accadrà nel giorno in cui il Figlio dell’uomo si manifesterà.
✠ Dal Vangelo secondo Luca (Lc 17,26-37).
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Come avvenne nei giorni di Noè, così sarà nei giorni del Figlio dell’uomo: mangiavano, bevevano, prendevano moglie, prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca e venne il diluvio e li fece morire tutti.
Come avvenne anche nei giorni di Lot: mangiavano, bevevano, compravano, vendevano, piantavano, costruivano; ma, nel giorno in cui Lot uscì da Sòdoma, piovve fuoco e zolfo dal cielo e li fece morire tutti. Così accadrà nel giorno in cui il Figlio dell’uomo si manifesterà.
In quel giorno, chi si troverà sulla terrazza e avrà lasciato le sue cose in casa, non scenda a prenderle; così, chi si troverà nel campo, non torni indietro. Ricordatevi della moglie di Lot.
Chi cercherà di salvare la propria vita, la perderà; ma chi la perderà, la manterrà viva.
Io vi dico: in quella notte, due si troveranno nello stesso letto: l’uno verrà portato via e l’altro lasciato; due donne staranno a macinare nello stesso luogo: l’una verrà portata via e l’altra lasciata».
Allora gli chiesero: «Dove, Signore?». Ed egli disse loro: «Dove sarà il cadavere, lì si raduneranno insieme anche gli avvoltoi».

MEDITAZIONE
San John Henry Newman (1801-1890)
Cardinale, fondatore di una comunità religiosa, teologo
Omelia “L’Incarnazione”, PPS vol. 2 n° 3

« Nel giorno in cui il Figlio dell’uomo si rivelerà »

Il nostro Signore e Salvatore ha accettato di vivere in un mondo che l’ha respinto; ha vissuto per morire per questo mondo al momento fissato. Vi è venuto come il sacerdote designato ad offrire il sacrificio per coloro che non partecipavano ad alcun atto di adorazione. (…) E’ morto e risuscitato il terzo giorno, Sole di giustizia (Ml 3,20), mostrando tutto lo splendore che era stato nascosto dalle nubi del mattino. E’ risuscitato ed è salito alla destra di Dio, per perorare con le sue sante ferite il perdono per noi, regnare e condurre il popolo riscattato, versare su di esso dal costato trafitto le più grandi benedizioni. E’ salito per discendere al momento prefissato e giudicare il mondo che ha riscattato. (…) Ha innalzato con lui la natura umana, poiché un uomo ci ha riscattati, un uomo ci ha esaltati al di sopra di ogni creatura, facendo con il Creatore una cosa sola, un uomo giudicherà l’uomo nell’ultimo giorno (At 17,31).
Tanto privilegiata è questa terra che il nostro giudice non sarà uno straniero, ma colui che, essendo simile a noi, sosterrà i nostri interessi e simpatizzerà con tutte le nostre imperfezioni. Lui, che ci ha amati fino a morire per noi, è stato designato per assegnare alla propria opera la sua misura e i suoi valori ultimi. Lui, che ha imparato mediante la propria debolezza a prendere le difese del debole, lui che voleva raccogliere tutto il frutto della sua Passione, separerà il frumento dalla pula senza lasciare cadere nemmeno un chicco a terra (cfr Mt 3,12). Lui che ci ha fatto partecipare alla propria natura spirituale, lui da cui abbiamo preso il sangue vitale per le nostre anime, lui, nostro fratello deciderà dei suoi fratelli. In questa sua seconda venuta, possa egli, nella sua misericordia e la sua tenera pietà, ricordarsi di noi, lui, la nostra unica speranza, lui, la nostra unica salvezza !

PADRE NOSTRO…

ORAZIONE
Suscita nella tua Chiesa, o Signore,
lo Spirito che colmò san Giosafat
e lo spinse a dare la vita per il suo gregge,
e …

Promo