BariSeranews

Una nuova illuminazione per le Grotte di Castellana con un maxi finanziamento statale

357 Visite

Quattro milioni di euro per rimettere a nuovo l’impianto di illuminazione delle Grotte di Castellana, valorizzando così uno dei più visitati e suggestivi siti carsici dell’intera Penisola. Il maxi finanziamento, ottenuto per il tramite della Regione Puglia, proviene dal Dipartimento per gli Affari regionali e le autonomie della Presidenza del Consiglio dei Ministri ed è stato ufficializzato in queste ore con il decreto di assegnazione, firmato dalla ministra Mariastella Gelmini.

Una vera e propria pioggia di fondi viene dunque destinata all’ente Grotte di Castellana Srl – società che gestisce il sito, controllata al 100% dal Comune di Castellana Grotte –, che nei prossimi mesi completerà la progettazione dell’intervento e bandirà una gara d’appalto per l’esecuzione dei lavori. Le risorse saranno utilizzate per la riqualificazione integrale delle sorgenti luminose all’interno delle grotte, come pure nelle aree esterne, adottando soluzioni ad alta efficienza energetica e in grado di migliorare sensibilmente la fruizione turistica, nel pieno rispetto delle peculiari esigenze di conservazione dell’ambiente carsico.

Ad avviare l’iter politico e amministrativo che ha portato a questo traguardo è stato l’onorevole Ubaldo Pagano, castellanese di nascita, presentando l’anno scorso un emendamento alla Legge di Bilancio 2021. Con l’introduzione dei commi 91-94 nell’articolo 1, è stato infatti istituito un fondo da 4 milioni di euro presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri «al fine di garantire la tutela e la valorizzazione delle aree di particolare interesse geologico o speleologico, nonché di sostenerne lo sviluppo e la gestione ambientalmente sostenibile e di promuoverne la fruizione pubblica».
La ripartizione del finanziamento, demandata ad un successivo decreto dell’allora ministro Francesco Boccia (anch’egli pugliese), è stata prevista in favore delle regioni nel cui territorio siano presenti grotte naturali turistiche con tre requisiti fondamentali: un percorso visitabile, esclusivamente con l’accompagnamento di personale autorizzato, della lunghezza minima di 2 km; una media di almeno 300mila visitatori l’anno nel periodo 2015-2019; ubicazione in un sito di interesse comunitario.
Dal momento che le Grotte di Castellana sono risultate le uniche in Italia a rispecchiare tutte queste caratteristiche, le risorse sono state assegnate nella loro interezza al rinomato complesso carsico pugliese, che potrà così consolidare il proprio ruolo di attrazione turistica nazionale e sempre più internazionale.

«Un importante risultato raggiunto grazie alle positive sinergie istituzionali messe in campo» evidenzia il sindaco di Castellana Grotte, Francesco De Ruvo, ringraziando in primis il deputato Ubaldo Pagano per aver promosso l’iniziativa e successivamente i ministri Boccia e Gelmini per averne reso possibile l’attuazione. Grazie ai fondi intercettati sarà realizzato «un intervento importantissimo che migliorerà ulteriormente l’esperienza in grotta dei visitatori, con ricadute positive di indotto sull’intero territorio. Perché se crescono le Grotte cresce anche Castellana. Su questo doppio binario, infatti, si muove da sempre l’azione di questa amministrazione comunale» conclude il primo cittadino.

Promo