Vigili del Fuoco: maxi esercitazione in Puglia con 550 unità

Da oggi e fino al 19 novembre, maxi esercitazione nazionale dei Vigili del Fuoco in Puglia con otto diversi scenari operativi di emergenza che verranno ripetuti nei quattro giorni di prova. L’organizzazione è della direzione centrale per l’emergenza del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Nello specifico, sono previste attività per posti di comando, emergenza sismica, e manovre in campo in diversi siti distribuiti sul territorio regionale. All’esercitazione parteciperanno complessivamente circa 550 unità dei Vigili del Fuoco della direzione regionale e dei comandi provinciali della Puglia.

L’esercitazione, tra gli scenari previsti, ha l’attivazione dell’emergenza per posti di comando per evento sismico con epicentro localizzato all’interno del territorio regionale, con attivazione delle sale crisi VV.F. regionali e all’interno del territorio regionale, con attivazione delle sale crisi VV.F. regionale e provinciali e mobilitazione nazionale verso la Puglia di circa 1.000 unità VF e 300 mezzi. Previste, inoltre, manovre operative in campo di ricerca persone disperse nei territori di Bitetto (Bari) e Costa Merlata (Brindisi), con partecipazione di circa 40 unità VF, tra cui un gruppo cinofilo, ed impiego di droni. Previsto anche un intervento di soccorso da parte degli operatori del Soccorso Alpino Fluviale dei Vigili del Fuoco per 2 alpinisti bloccati in parete a Statte (Taranto), nonchè la simulazione all’interno della cava Mater Domini di Bitetto di un intervento per crollo di un edificio causato da un evento sismico, con impiego di unità Usar (Urban search and rescue) VVF e unità cinofile per ricerca e soccorso a persone intrappolate sotto le macerie. Prevista, infine, la simulazione di emergenza chimica per sversamento di sostanze tossiche con intervento del nucleo regionale VVF NBCR presso la cava Mater Domini di Bitetto.

Promo