Bariseranews.it – Oltre la notizia

Xylella, la Regione modifica le norme sulla gestione del batterio

89 Visite

La Puglia adegua la legge a contrasto della diffusione della xylella alle norme richieste da governo e Unione europea. La IV commissione consiliare (Agricoltura) ha approvato la proposta di modifica e integrazione della norma per la gestione della infezione provocata da batterio.

Tra le novità, c’è la modifica dell’articolo tre relativo alla definizione della zona delimitata: ora è possibile prevedere con la revoca della delimitazione di quell’area se, sulla base delle indagini condotte, sia possibile concludere, in conformità con la normativa vigente, che l’organismo nocivo specificato è stato eradicato e non vi è alcun rischio di ulteriore diffusione.

Sulle misure di eradicazione, con la modifica all’articolo 5 si elimina il riferimento a 100 metri entro i quali abbattere obbligatoriamente le piante. Quando è individuata una pianta infetta, invece, il servizio fitosanitario ne dispone l’eradicazione in base al livello di rischio. Per le misure di contenimento è stato stabilito che nelle aree in cui si applicano le misure di contenimento, il servizio fitosanitario regionale dispone la rimozione immediata di tutte le piante risultate infette sulla base delle indagini svolte.

Per “proteggere l’inestimabile pregio culturale e paesaggistico degli ulivi monumentali non si procederà alla rimozione delle piante non infette”. L’assessore regionale alle Politiche agricole, Donato Pentassuglia ha detto che “non rimarrà inascoltato il grido di allarme dei settore olivicolo” e ha garantito che “la Puglia non starà ferma e in silenzio perché parliamo di un sistema economico produttivo decisivo per la nostra economia”.

Promo