Legalità: a Palo del Colle nasce cantiere antimafia sociale

Un circo magico, una piazza per incontrarsi e confrontarsi, condividere pensieri, parole, proposte e azioni concrete di rigenerazione culturale: un ‘detonatore di bellezza’. E’ il primo grande cantiere di antimafia sociale, creato in un tendone da circo alla periferia di Palo del Colle, nel Barese, che è stato inaugurato questa sera.

Il progetto si chiama “Happy Times – La forza della bellezza” ed è stato ideato e realizzato da Rigenera APS assieme all’associazione Musicaingioco, alla Fondazione Vittorio Bari, all’associazione Crocevia Salento, a Biosform srl, all’I.c. “Davanzati-Mastromatteo” e il comune di Acquaviva delle Fonti, ed è stato finanziato da Regione Puglia, grazie all’avviso pubblico “Cantieri Innovativi di Antimafia Sociale: Educazione alla Cittadinanza Attiva e Miglioramento del Tessuto Urbano”. Questo luogo, nei prossimi mesi, ospiterà talk, spettacoli, concerti, performance artistiche e presentazioni di libri per approfondire il tema dell’antimafia e riflettere sul valore della legalità e della partecipazione attiva, a prescindere dal credo etico o politico, dal colore della pelle e dalla lingua.

Oltre 180 eventi in 6 mesi, non solo a Palo del Colle, ma anche a Lecce, Acquaviva delle Fonti e Adelfia. Tra gli ospiti ci saranno giornalisti, artisti, scrittori, testimoni dell’antimafia sociale che si alterneranno sul palco del ‘circo delle meraviglie’.

I recenti fatti di cronaca, accaduti nella provincia Barletta-Andria-Trani, ma anche nel Barese dov’è stato ferito a colpi d’arma da fuoco il buttafuori di una discoteca di Modugno, “ci raccontano di quanto le nostre comunità abbiano bisogno di discutere, approfondire, fare comunità, per contrastare gli eventi che ci mettono di fronte ai problemi della sicurezza, dell’illegalità”, ha detto il sindaco di Palo del Colle, Tommaso Amendolara. “In Puglia la criminalità sta alzando la testa – ha confermato il sindaco di Acquaviva, Davide Carlucci -, quindi siamo dalla parte di chi chiede legalità e queste attività serviranno a rendere l’antimafia sociale un sentimento bello e diffuso”.

L’inaugurazione è avvenuta alla presenza di varie autorità del territorio, oltre che di Luisa Impastato – nipote di Peppino – e di Sabrina Matrangola, figlia di Renata Fonte, entrambe parenti di vittime innocenti di mafia. A seguire è stata inaugurata la mostra realizzata dal fotografo Enzo Piglionica “Keep on moving – Cento Volti”, ritratti di personalità viventi, esempi virtuosi dell’antimafia sociale, accompagnati da racconti ispirati alle loro vite e alle loro esperienze. Il programma completo, dei prossimi 6 mesi, sarà a disposizione sui canali social.

Promo