«Non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta», il caffè spirituale di mons. Savino

CAFFÈ SPIRITUALE
MARTEDÌ, 23 NOVEMBRE 2021
MARTEDÌ DELLA XXXIV SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO DISPARI)
====☕====

—–•••—–

«Il Signore annuncia la pace per il suo popolo,
per i suoi fedeli, per chi ritorna a lui con fiducia.» (Sal 84,9)

✠ Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

VANGELO
Non sarà lasciata pietra su pietra.
✠ Dal Vangelo secondo Luca
(Lc 21,5-11).
In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta».
Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine».
Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo.

MEDITAZIONE
Santa Caterina da Siena [(1347-1380)
terziaria domenicana, dottore della Chiesa, compatrona d’Europa],
Lettera 120 ai fratelli N. di Guida, J. di Zerri, N-J di Vannucio, n° 74

“Molti verranno sotto il mio nome (…); non seguiteli!”

Dio Padre, mosso dal fuoco della sua carità, mandò il Verbo, il suo unico Figlio, che venne come un carro di fuoco, spargendo le fiamme dell’ineffabile amore e dell’eterna misericordia del Padre, insegnandoci la dottrina della Verità e mostrandoci la via dell’amore che dobbiamo seguire. Ha detto: “Io sono la via, la verità, la vita; chi va per mezzo di me, non passa per le tenebre, ma viene alla luce” (cfr. Gv 14,6; 8,12). E così è, perché chi segue questa via in verità riceve la vita della grazia e cammina nella luce della santa Fede; e con questa luce arriva alla visione eterna di Dio. (…)
Ci sono molti che vogliono andarsene e non seguirlo; vogliono camminare senza una guida, non dietro di lui, prendendo un nuovo sentiero, e volendo servire Dio e acquisire la virtù senza fatica; ma si sbagliano, perché lui è la via. Questi non sono forti e perseveranti; si indeboliscono, e al momento del combattimento gettano le loro armi, le armi della preghiera umile e continua, della carità ardente, la spada della volontà con cui ci si difende, e che ha due bordi, l’odio del vizio e l’amore della virtù; (…) non ottengono gloria, ma vergogna e confusione, perché non seguono la dottrina della Parola, ma se ne allontanano, volendo andare per un’altra via che la sua.
Dobbiamo quindi essergli fedeli e amarlo nella verità, non per paura del castigo di cui è punito chi non ama, né per l’utilità e il piacere che l’anima trova nell’amore, ma solo perché il Bene sovrano è degno di essere amato. (…) Questa è la via che ci ha insegnato, dandoci la dottrina dell’umiltà, dell’obbedienza, della pazienza, della forza e della perseveranza.

PADRE NOSTRO…

ORAZIONE
Ridesta, o Signore, la volontà dei tuoi fedeli,
perché, collaborando con impegno alla tua opera di salvezza,
ottengano in misura sempre più abbondante
i doni della tua misericordia. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

✠ Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna. Amen.

******
«Sii fedele fino alla morte, dice il Signore,
e ti darò la corona della vita.» (Ap 2,10c)
In Cristo Gesù, nostra Speranza, Via, Verità e Vita, sia benedetta questa giornata.
+ don Francesco

Promo