Bari. Invecchiare attivamente: Co-housing, prevenzione, contrasto alla solitudine.

Prende il via il programma a sostegno dell’invecchiamento attivo: co-housing, digitalizzazione e sicurezza informatica, prevenzione e promozione della salute, contrasto alle solitudini online tre avvisi innovativi in favore della popolazione anziana della città

L’assessora al Welfare Francesca Bottalico rende noto che sono in pubblicazione sul sito istituzionale del Comune i primi tre avvisi rivolti a soggetti del Terzo settore e finalizzati ad attivare servizi e percorsi innovativi in favore del mondo della terza età, con l’obiettivo di realizzare una sempre maggiore inclusione degli anziani della città favorendone la cura, la partecipazione attiva la prevenzione e il sostegno socio-sanitario, con particolare riguardo alle persone più vulnerabili.

“Oggi presentiamo le prime azioni che anticipano il PIANA, il programma di azioni cittadine a sostegno dell’invecchiamento attivo e della non autosufficienza per la terza età. Un piano che intende prevenire l’istituzionalizzazione e l’isolamento sociale, contrastare le solitudini e promuovere il benessere delle persone over 65.

Apriamo la strada ad una delle prime progettazioni pubbliche di co-housing per la terza età, come pure alle officine urbane di cittadinanza che promuoveranno la digitalizzazione informatica degli anziani, ad esempio con l’attivazione e il corretto uso dello Spid e con la prevenzione di truffe digitali, e allo spazio comune per l’invecchiamento attivo con “S.C.I.A.M.!” che favorirà l’attivazione di presidi per la terza età, spazi per visite gratuite e accesso ai farmaci ma anche luoghi di incontro, conoscenza, formazione continua e svago”.

Per quanto riguarda gli over 65 in povertà estrema inseriti nel progetto, sono previste l’erogazione di contributi per l’alloggio (canoni locazione, oneri condominiali e utenze, oneri fiscali) e altre misure di sostegno all’autonomia (farmaci, beni alimentari, buoni spesa), come individuate dal piano individuale elaborato dal servizio sociale, con anticipazione delle relative spese che verranno poi rimborsate bimestralmente dal Comune di Bari.

L’importo del sostegno economico previsto non potrà superare la soglia massima di 120mila euro. Prerequisito per partecipare all’avviso è la disponibilità di un immobile per lo svolgimento delle attività che non sia oggetto di finanziamenti a valere su risorse pubbliche.

Il termine di scadenza per la presentazione di manifestazione di interesse in risposta agli avvisi in pubblicazione è fissato alle ore 12 del prossimo 13 dicembre.

Per informazioni rivolgersi agli uffici comunali settore Welfare.

Franco Marella

Promo