Bari. Al via le attività integrate del nuovo centro servizi per le famiglie.

Parte oggi il “Centro servizi per le famiglie e Casa della cittadinanza attiva e della legalità”, il nuovo servizio integrato a carattere sperimentale gestito dall’ATI composta dalla Fondazione Giovanni Paolo II Onlus (capofila) e dalle cooperative sociali GEA, Progetto Città e Occupazione e Solidarietà, in parte già enti gestori dei precedenti servizi del territorio.

Il nuovo servizio (in conformità al Regolamento regionale 18 gennaio 2007 n. 04 art. 93) ambisce a diventare importante presidio di legalità e di contrasto alle povertà educative per tutta l’area metropolitana di Bari.

Si tratta di un luogo fisico aperto al territorio che integra e supporta i servizi territoriali specialistici, investendo anche nell’area della prevenzione, al fine di sostenere le famiglie, i minori, i giovani adulti e gli adulti nella loro dimensione sociale, psicologica e pedagogica.

Il centro, infatti, offre attività finalizzate al sostegno dei nuclei familiari nella loro interezza e alla promozione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza; eroga inoltre prestazioni rivolte in via prioritaria a minori e giovani italiani e stranieri di età compresa tra i 14 e i 25 anni sottoposti a provvedimenti giudiziari emessi dal Tribunale per i minorenni in sede civile e penale e segnalati dal C.G.M. e dai Servizi sociali territoriali.

“Oggi parte una progettualità ampia, rivolta a minori vulnerabili, famiglie e adulti, che nei prossimi quattro anni attraverserà tutti i quartieri della città – commenta l’assessora al Welfare Francesca Bottalico -. Con un maggiore investimento finanziario e una durata quadriennale, la prima Casa della cittadinanza attiva e della legalità valorizzerà le azioni finora realizzate dal centro diurno Chiccolino, rendendole strutturate e integrate anche in considerazione dei risultati delle azioni di monitoraggio realizzate con il Dipartimento di Giustizia minorile. “”

Il “Centro servizi per le famiglie e Casa della cittadinanza attiva e della legalità” ha come sede l’immobile comunale confiscato alla criminalità organizzata sul lungomare IX Maggio 78, in continuità con l’esperienza di “Chiccolino”, pur continuando a svolgere attività in modo decentrato anche negli ambienti dell’I.C. “E.Duse” e sul territorio che ha accolto l’esperienza del Centro servizi per le famiglie dal 2018 ad oggi.

La nuova proposta progettuale prevede l’erogazione di numerose prestazioni professionali, tra cui: consulenza psicologica, mediazione familiare, mediazione scolastica, sportello Scuola/Famiglia, spazio socializzazione adulti, sostegno alla genitorialità, animazione cittadina, spazi intergenerazionali, educazione all’affettività, percorsi alternativi alla Pena per adulti e minori, orientamento professionale, promozione della cittadinanza attiva e responsabile e azioni di contrasto alla povertà.

La struttura, aperta 30 ore alla settimana (sia in orario antimeridiano che pomeridiano), dal lunedì al venerdì, prevede anche attività nel fine settimana e in orari serali per conciliare nel modo migliore la partecipazione e l’organizzazione dei tempi vita-lavoro.

Un serio aiuto alla comunità.

Franco Marella

 

 

 

 

 

Promo