A Bitonto Liceo Galilei senza riscaldamento: “Intervenga la politica”

Sono tornati in presenza dopo quasi due anni di didattica a distanza, ma stanno affrontando la presenza in aula con i plaid al seguito. È quanto denuncia l’ex consigliere regionale Domenico Damascelli raccontando quanto avviene nel liceo scientifico “Galilei” di Bitonto (Bari). “Dall’inizio dell’inverno – dichiara – il riscaldamento non è mai stato attivato ed è paradossale che i nostri ragazzi siano in classe, con queste temperature rigide, costretti a restare con i giubbotti indosso e a portare coperte da casa”.

Tutto questo avviene in un momento in cui “è anche più facile influenzarsi e scambiare un banale raffreddore per qualcosa di più grave come il covid. Le normative anti contagio, inoltre, impongono di fare arieggiare gli ambienti che sono già abbastanza freddi di loro”, aggiunge Carmela Rossiello, consigliere comunale di Bitonto. “Eppure – prosegue Damascelli- la città di Bitonto dovrebbe essere ‘ben’ rappresentata in Città Metropolitana, responsabile dei nostri Istituti superiori e non è normale che, da inizio anno, non sia stata fatta una adeguata programmazione e verifica degli impianti. Siamo al solito pressappochismo che danneggia studenti e personale scolastico, oltre ad incidere negativamente sui percorsi di apprendimento didattico”.

Adesso – concludono Damascelli e Rossiellonon si perda più un minuto e si riattivi immediatamente il riscaldamento in tutti gli ambienti del liceo scientifico di Bitonto. Chi ha ruoli politici, amministrativi e di governo nella Città Metropolitana non faccia finta di essere esente da responsabilità”.

Promo