La poliedricità del naturalista Giuseppe Saverio Poli in un libro (Intervista video)

È stato presentato alla stampa, al mondo della cultura, alla città tutta il libro, “Il naturalista Giuseppe Saverio Poli”, (La Nuova Mezzina), scritto dal professor Gaetano Mongelli, apprezzato storico dell’arte, scrittore, docente presso l’Università degli Studi di Bari, e dal giovane Davide Facchini.

La presentazione, che ha richiamato tanta gente, si è tenuta nell’Aula Consiliare con l’intervento del Sindaco, Tommaso Minervini, e Giuseppe Saverio Poli jr, discendente dell’illustre uomo di scienza. Sono intervenuti con relazioni dettagliate ed argomentate, Giuseppe Saverio Poli che ha raccontato tante curiosità legate alla sua famiglia e Francesco Picca, funzionario tecnico delle attività museali nella Pinacoteca De Nittis e il Museo Civico di Barletta. In qualità di moderatrice la giornalista Lucrezia D’ Ambrosio che ha introdotto gli autori del pregevole volume.
Prima dell’ inizio del convegno abbiamo ascoltato il giovane Davide Facchini proprio perché rappresenta un esempio di come i giovani possano appassionarsi all’ arte e alla storia e decidere addirittura di scrivere un pregevole testo.

Il Libro, commissionato da Giuseppe Saverio Poli jr, guarda sia agli aspetti biografici di Poli, i cui tratti salienti vengono abilmente ripercorsi e raccontati, con uno stile fluido da Facchini, a cui si deve riconoscere una straordinaria capacità di sintesi trattandosi di uno scienziato, il Poli, complesso, di rara sensibilità, poliedrico; sia alla “statuaria” molfettese, da Giulio Cozzoli a Mauro Mezzina, autore della stele monumentale, collocata su Banchina San Domenico, di fronte alla casa Museo Poli, svelata il 23 luglio scorso, nel corso di una cerimonia pubblica, ripercorsa mirabilmente da Mongelli.

La presentazione del volume rappresenta la seconda tappa di un ciclo di iniziative, promosse dalla Società di cultura europea “Caracciolo”, che si concluderà la prossima primavera.
Veramente interessante l’ incontro perché ha svelato lo scienziato Poli, molto avanti come mentalità, precursore in tanti settori, intellettuale attento; una figura che rappresenta veramente un orgoglio per i molfettesi e Molfetta da fare conoscere anche fuori.
Sicuramente questo libro rende merito a uno dei figli illustri di Molfetta, che vanta anche il celeberrimo Giaquinto, il maestro Muti e il grande Salvemini.

Paola Copertino

Promo