Mamma e figlia in ostaggio, rapina da incubo in una villa di Fasano

Secondo le prime ricostruzioni dei Carabinieri, la banda composta da almeno tre individui, si sarebbe introdotta all’interno della villetta presso la Selva di Fasano, in località Minareto nella serata di Domenica 12 dicembre.

I malviventi dopo aver fatto irruzione nell’abitazione intorno alle ore 21,00 e aver preso in ostaggio l’anziana mamma, hanno atteso il rientro a casa della figlia insegnante.

Le due donne sono state prima legate per oltre tre ore, mentre i banditi rovistavano in ogni angolo della casa alla ricerca di denaro e gioielli, e successivamente minacciate affinché collaborassero all’apertura della cassaforte.

Carica di refurtiva la banda dei rapinatori si sarebbebbe poi dileguata, consentendo alle povere malcapitate di liberarsi e contattare le forze dell’ordine nonostante il forte shock.

I militari hanno subito interrogato le due donne per poter identificare gli autori della rapina, che secondo le testimonianze parlavano con un accento dell’Est Europa.

Oltre ai Carabinieri della compagnia di Fasano sul posto anche i sanitari del 118, che hanno prestato le cure mediche necessarie per alcune contusioni ed escoriazioni riportate dalle due vittime.

VINCENZO DE MARINO

Promo