Gioia del Colle: nuovo servizio di igiene urbana – lotta all’abbandono selvaggio dei rifiuti

Vita difficile per chi non rispetta le regole di civiltà. Il Comune di Gioia del Colle prova a mettere un punto all’abbandono indiscriminato dei rifiuti. Sarà questa la priorità del nuovo servizio di igiene urbana che, insieme alle altre novità introdotte, intende scoraggiare l’insopportabile fenomeno che deturpa ed inquina il centro cittadino e le campagne circostanti.

Gli aspetti più rilevanti del nuovo appalto sono stati presentati questa mattina, nella sala Javarone di Palazzo San Domenico, durante una conferenza stampa a cui hanno preso parte il sindaco Giovanni Mastrangelo, l’assessore all’Ambiente Vito Etna, il Responsabile unico del procedimento (Rup) del Comune di Gioia del Colle Giuseppe Santoiemma e Francesco Roca, componente del CdA di Navita.

Rispetto al passato, a partire dal 1° gennaio 2022, il calendario delle utenze non domestiche food subirà una variazione con l’incremento dei giorni del ritiro della plastica (tre volte a settimana).

Sarà anche avviato un progetto sperimentale nell’agro con isole ecologiche intelligenti (Oasi) per la raccolta di carta, plastica e metalli, secco residuo e vetro. Avranno la particolarità di essere ad accesso videosorvegliato H24 e controllato, ovvero sarà possibile conferire esclusivamente dopo il riconoscimento dell’utente attraverso una tessera.

Ma il vero punto forte del nuovo servizio è il sistema di videocontrollo con fototrappole di ultima generazione installate su tutto il territorio, al fine di intercettare chi continua a sporcare strade e contrade. Il contrasto all’abbandono dei rifiuti è, infatti, l’obiettivo principale dell’Amministrazione comunale che, in coordinamento con Comando di Polizia Locale e Navita, ha previsto una serie di azioni per evitare che sorgano piccole discariche abusive nelle strade extra urbane e limitare l’abbandono nei cestini gettacarte.

Un incisivo progetto di comunicazione, infine, punterà a sensibilizzare i cittadini al rispetto dell’ambiente e alla corretta differenziazione dei rifiuti.

Franco Marella

Promo