Verso Palermo-Bari, parla Mignani: “Parola al campo. Il segreto? Restare spensierati”

A due giorni da Palermo-Bari, scontro diretto al vertice del girone C di Serie C, il tecnico dei biancorossi Michele Mignani offre la sua consueta disamina pre-gara: “E’ una partita bella, tra due squadre che hanno storia, passione. Però alla fine quello che conta sarà pensare a noi, fare punti. Dobbiamo fare questo sforzo per cercare di arrivare alle feste nel miglior modo possibile. Le gare andranno affrontate col solito spirito, con le nostre certezze e consapevolezze.  Sarà una gara come tutte le altre, poi sarà il campo a dire cosa succederà”. 

Quale deve essere sempre il segreto? “La spensieratezza deve sempre contraddistinguerci. Ci vuole tanta fame, questa è sempre alla base di tutto. A volte il tatticismo passa in secondo piano. Gestire partite? Non è una parola che mi piace. Io vorrei che la mia squadra si andasse sempre a giocare le partite, esattamente come accade in trasferta. Serve personalità, voglia di fare la partita”. 

Cosa accadrebbe, però, in caso di vittoria nello scontro diretto coi siciliani? Ecco la sua risposta: “Potrebbe darci ulteriore consapevolezze, ma la partita è tutta da giocare. Solo quando ho i numeri posso parlare, fermo restando che il girone di ritorno è tutto un altro mondo. E poi c’è il mercato, dove ci si può sempre rafforzare”. 

Promo