«Il bambino sussultò nel suo grembo», il caffè spirituale di mons. Savino

CAFFÈ SPIRITUALE
DOMENICA, 19 DICEMBRE 2021
IV DOMENICA DI AVVENTO
– ANNO C
====☕====

—–•••—–

«Stillate, cieli, dall’alto,
le nubi facciano piovere il Giusto;
si apra la terra e germogli il Salvatore.» (Cf. Is 45,8)

✠ Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

VANGELO
A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me?
✠ Dal Vangelo secondo Luca
(Lc 1,39-45).
In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.
Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».

MEDITAZIONE
Sant’Ambrogio [(ca 340-397)
vescovo di Milano e dottore della Chiesa],
Commento al vangelo di Luca, II, 19s; SC 45

« Maria si mise in viaggio verso la montagna »

E’ normale che chi vuol essere creduto dia spiegazioni. Ecco perché l’angelo (…) ha annunciato a Maria, la vergine, che una donna anziana e sterile stava per diventare madre, mostrando così che Dio può fare tutto ciò che gli piace. Appena Maria l’ebbe saputo, si avviò in fretta verso la montagna. Non perché fosse incredula della profezia o incerta dell’annunzio, o dubitasse (…), ma perché era lieta della promessa e desiderosa di compiere devotamente un servizio, con lo slancio che le veniva dall’intima gioia. Dove ormai, ricolma di Dio, poteva affrettarsi ad andare se non verso l’alto? La grazia dello Spirito Santo non comporta lentezze.
Maria fino a quel momento aveva vissuto da sola nel più rigoroso ritiro; eppure il suo pudore verginale non le ha impedito di apparire in pubblico, né le ripide montagne di attuare il suo disegno, né la lunghezza del cammino di rendere servizio. Verso le alture, la Vergine si affretta, lei che pensa solo a servire e dimentica la sua fatica, lei che trova la forza nella carità (…). Maria lascia la sua casa e si avvia verso le alture. (…) Avete visto la delicatezza di Maria; guardate anche la sua umiltà. La più giovane va verso la più anziana (…), il superiore va verso l’inferiore: Maria da Elisabetta, Cristo da Giovanni, come in seguito il Signore andrà a farsi battezzare da Giovanni per rendere sacro il battesimo. E subito si manifestano i benefici dell’arrivo di Maria e della presenza del Signore, poiché “appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino esultò di gioia nel suo seno ed ella fu riempita di Spirito Santo”. (…) Le due donne parlano della grazia che è stata fatta loro; i due bambini realizzano questa grazia e trascinano le loro madri nel mistero della misericordia.

PADRE NOSTRO…

ORAZIONE
O Dio, che per attuare il tuo disegno di amore
hai scelto l’umile figlia di Sion,
dona alla Chiesa di aderire pienamente al tuo volere,
perché, imitando l’obbedienza del tuo Figlio,
si offra a te in perenne cantico di lode. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

✠ Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna. Amen.

******
«Beata sei tu, Vergine Maria, perché hai creduto:
in te si è compiuta la parola del Signore.» (Cf. Lc 1,45)
In Cristo Gesù, nostra Speranza, Via, Verità e Vita, sia benedetta questa giornata e buona domenica.
+ don Francesco

Promo