«Rallégrati, piena di grazia», il caffè spirituale di mons. Savino

CAFFÈ SPIRITUALE
LUNEDÌ, 20 DICEMBRE 2021
FERIA PROPRIA DEL 20 DICEMBRE
====☕️====

—–•••—–

«Un germoglio spunterà dal tronco di Iesse:
tutta la terra sarà piena della gloria del Signore
e ogni uomo vedrà la salvezza di Dio.» (Cf. Is 11,1; 40,5; Lc 3,6)

✠ Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

VANGELO
Ecco, concepirai e darai alla luce un figlio.
✠ Dal Vangelo secondo Luca
(Lc 1,26-38).
Nel sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

MEDITAZIONE
Beato Maria Eugenio di Gesù Bambino [{1894-1967)
carmelitano, fondatore di Notre Dame de Vie],
Il dono di sé

“Eccomi, sono la serva del Signore”

L’offerta di se stessi deve salire incessantemente dall’anima come l’espressione più perfetta dell’amore e come una continua provocazione alla misericordia divina; attraverso di essa l’anima respira e aspira l’amore, si purifica e si unisce al suo Dio. (…)
La Vergine Maria, perché riempita di grazia dallo Spirito Santo e persa nella semplice luce di Dio, aveva tutte le sue energie pacificamente dirette verso la realizzazione della volontà divina. L’Arcangelo Gabriele appare e la saluta. Per un momento la Madonna fu turbata da questa presenza e da questa lode. Ma il suo acuto senso spirituale riconobbe subito la qualità soprannaturale del suo messaggero. (…) Maria capì: era davvero il Messia di cui l’angelo le propose di divenire madre. Non ci aveva pensato, perché non conosceva se stessa. La semplicità della sua grazia velava la sua immensità. Conosceva solo Dio e la sua volontà. Di fronte a queste prospettive che le si aprirono all’improvviso, non fece che una domanda, perché era preoccupata per la sua verginità: “Come si può fare, visto che non conosco nessun uomo?” Rassicurata dall’angelo che risponde: “Lo Spirito Santo scenderà su di te e la virtù dell’Altissimo ti adombrerà”, la Vergine Maria, senza esitazione, senza chiedere qualche giorno di riflessione e di consultazione e nemmeno qualche istante per prepararsi, dà la sua adesione, per sé e per tutta l’umanità, al più sublime e più terribile dei contratti: all’unione nel suo grembo dell’umanità con la divinità, al Calvario e al mistero della Chiesa.
E il Verbo si fece carne grazie al Fiat della Vergine, che una disposizione d’offerta completa e indeterminata aveva preparato da tempo nella sua anima duttile e docile. Anche nelle nostre anime, il dono di sé provoca l’iniziativa divina e ci prepara allo stesso Fiat fecondo.

PADRE NOSTRO…

ORAZIONE
Tu hai voluto, o Padre,
che all’annuncio dell’angelo
la Vergine immacolata concepisse il tuo Verbo eterno,
e avvolta dalla luce dello Spirito Santo
divenisse tempio della nuova alleanza:
fa’ che aderiamo umilmente al tuo volere,
come la Vergine si affidò alla tua parola. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

✠ Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna. Amen.

******
«O Chiave di Davide, che apri le porte del Regno dei cieli:
vieni, e libera l’uomo prigioniero che giace nelle tenebre.»
In Cristo Gesù, nostra Speranza, Via, Verità e Vita, sia benedetta questa giornata.
+ don Francesco

Promo