BariSeranews

Olimpiadi: il Giappone non invierà la delegazione governativa

76 Visite

Non ci sarà una delegazione governativa del Giappone ai Giochi olimpici invernali di Pechino, in programma dal 4 febbraio. La decisione, che di fatto allinea il Paese con il boicottaggio diplomatico deciso dagli Stati Uniti, è stata annunciata dal portavoce del governo di Tokyo, come riporta l’agenzia Kyodo. Ma a Tokyo non si parla esplicitamente di boicottaggio diplomatico.

A Pechino andranno gli atleti e Seiko Hashimoto, al timone del comitato organizzatore di Tokyo 2020, Yasuhiro Yamashita, capo del Comitato Olimpico giapponese, e Kazuyuki Mori, ai vertici del Comitato Paralimpico. Secondo fonti governative citate dall’agenzia, la decisione dell’esecutivo sarebbe da collegare a “piccoli miglioramenti” rispetto alla situazione dei diritti umani nello Xinjiang e a Hong Kong.

Riteniamo sia importante vengano garantiti in Cina i valori universali, come la libertà, il rispetto dei diritti umani fondamentali e lo stato di diritto“, ha detto il portavoce del governo, Hirokazu Matsuno, senza parlare di boicottaggio diplomatico. Per il governo di Tokyo, ha puntualizzato, non c’è “un termine particolare” per descrivere la decisione che – secondo le fonti – non sarebbe stata annunciata dal premier Fumio Kishida nel tentativo di non suscitare direttamente le ire di Pechino che ha già contestato il boicottaggio diplomatico, ‘strada’ scelta anche da altri Paesi come il Regno Unito. Alle Olimpiadi di Tokyo, ricorda la Kyodo, la Cina inviò Gou Zhongwen, capo dell’Amministrazione generale dello sport.

Promo