Torino. Neonato operato durante il parto per asportazione tumore al cuore.

E’ possibile che la fede trovi risposte nella medicina o più laicamente, bisogna aver fede nelle medicina?

Certo è che i genitori del piccolo appena nato Mattia (un nome di fantasia) devono aver avuto tantissimo coraggio nel decidere di far operare il proprio figlio durante il parto.

Mattia presentava un raro tumore cardiaco fetale, che non gli avrebbe permesso di respirare appena al mondo, quindi il neonato è stato immediatamente intubato quando era ancora attaccato alla placenta della mamma ed è stato operato durante il parto.

La speciale tecnica, denominata Exit, è stata eseguita all’ospedale infantile Regina Margherita di Torino e ha salvato il piccolo paziente, che ha iniziato ad alimentarsi col latte della madre. L’unica possibilità di salvarlo neonato era quella di asportare il tumore, potenzialmente fatale, alla nascita. L’intervento chirurgico è stato effettuato durante il taglio cesareo, quindi, il neonato è stato intubato quando ancora collegato alla placenta. La presenza del tumore nel torace non consentiva una adeguata ventilazione del paziente, in quanto i polmoni erano schiacciati dalla massa. Per questo motivo il neonato, con un peso di 1,9 kg, è stato trasferito presso la sala attigua, dove è stato immediatamente sottoposto ad un delicato intervento cardiochirurgico. L’operazione, consistita nell’asportazione totale in sternotomia mediana del teratoma pericardico di 7.5 cm, è perfettamente riuscita ed il piccolo paziente è già stato dimesso dalla Terapia intensiva cardiochirurgica.

Mutuando la pellicola del film “Miracolo a Milano” di De Sica, direi “Miracolo a Torino” a cura della sapiente regia medica multidisciplinare composta dagli specialisti: dottor Carlo Pace Napoleone, dottoressa Simona Sdei, professoressa Chiara Benedetto, dottor Andrea Sciarrone, dottoressa Mariolina Tibaldi e dottoressa Gabriella Agnoletti, i quali durante la crescita del feto avevano diagnosticato la grave malformazione.

A Bari nonostante ci siano medici di alto profilo e strutture in grado di poter operare casi così complessi come il reparto di Medicina Fetale e Diagnosi Prenatale del Divenere , non è mai stato eseguito un intervento di tale portata. Tuttavia è bene sapere che in Italia ci sono strutture in grado di assistere casi come il nostro Mattia.

Lunga vita al Re così sei oggi ai nostri occhi.

Franco Marella

Promo