Gravina, sindaco sfiduciato. Lacarra (PD): atto scellerato

“Un atto scellerato, assurdo, incomprensibile: privare una città ben amministrata del suo governo civico a soli 4 mesi dal voto e nel mezzo della pandemia è davvero cosa fuori dal mondo”.

È il commento del segretario del Pd Puglia, Marco Lacarra, allo scioglimento anticipato del consiglio comunale di Gravina in Puglia (Bari), dopo la scelta di cinque consiglieri di maggioranza di rassegnare le proprie dimissioni davanti a un notaio, insieme ai loro colleghi di minoranza.

“Non ci sono ragioni – afferma il segretario dei dem pugliesi – in grado di giustificare o rendere comprensibile quanto verificatosi: al sindaco Alesio Valente va tutto il nostro sostegno. Ha ben amministrato, risultando non a caso vincitore in due distinte, successive tornate elettorali, la seconda delle quali al primo turno, ed è diventato un solido punto di riferimento”.

“A Gravina si ripartirà senza dubbio dall’esperienza Valente: il sindaco uscente continuerà ad essere un punto di riferimento, non solo per la sua comunità – conclude – Il percorso virtuoso intrapreso dalla comunità gravinese non conoscerà ritorni al passato: il nostro impegno andrà in questa direzione, senza esitazioni”.

Promo