BariSeranews

Il preparatore atletico del Bari D’Urbano: “I positivi al Covid ed il recupero di Di Cesare, ecco come affrontiamo la sosta”

101 Visite

Prosegue il percorso di avvicinamento del Bari al prossimo impegno, in programma il prossimo 23 gennaio, in casa contro il Catania.

A nove giorni dalla gara, salvo ulteriori stravolgimenti del calendario dovuti all’emergenza Covid, ai microfoni di RadioBari ha parlato il preparatore atletico del Bari Giorgio D’Urbano.

Queste le sue parole: “Ci sono delle incognite, dopo una lunga sosta. Ma noi ci fidiamo del nostro lavoro, e siamo fiduciosi di poter fare un percorso simile a quello del girone d’andata. Già a Storo, durante il ritiro, abbiamo dovuto affrontare le problematiche legate al Covid, con tanti positivi. Riusciamo a monitorare il lavoro dei ragazzi, sappiamo come stanno. L’impegno, la forza, il sacrificio e la passione hanno già caratterizzato questo gruppo nella prima metà della stagione.”

D’Urbano ha proseguito: “I positivi sono asintomatici, non hanno avuto grandi problemi di salute. Questo ci aiuta, nella ripresa. Anche se il lavoro fisico nelle proprie abitazioni è limitato. Al rientro, bisognerà riprendere la condizione atletica senza rischiare di farsi male. Il tempo a disposizione, considerando i tanti impegni, sarà poco.”

Il preparatore atletico si è soffermato sulla tipologia di lavoro che sta svolgendo la squadra: “Abbiamo stilato programmi personalizzati, mirati sulle caratteristiche di ciascun calciatore. In questa fase di attesa, abbiamo spinto sull’acceleratore, per consentire loro di sopportare i carichi dovuti alle prossime partite ravvicinate. Dovremo monitorarli, tra una gara e l’altra, per cogliere eventuali segnali di affaticamento. “

Questo il parere di D’Urbano sul recupero di capitan Di Cesare, già in gruppo dopo l’infortunio al ginocchio patito ad ottobre: “Valerio è un grande professionista. Ce la sta mettendo tutta, bruciando le tappe. Lo staff medico ed i tecnici hanno lavorato alacremente, una gran collaborazione di ottimi professionisti, come il mio collega Francesco Cosentino. In questi 2-3 giorni di allenamenti, ha fatto una progressione eccezionale, e sta raggiungendo i valori che aveva, sul piano fisico, prima dell’infortunio. Andrà reinserito in partita per gradi, ma ha una gran voglia di tornare in campo.”

D’Urbano, poi, si è lasciato andare ad alcune considerazioni sulla propria scelta di sposare, come già era accaduto in passato, la causa dei galletti: “A livello personale, ho accettato di tornare a Bari senza pensarci due volte, perché non è una società da C. Si tratta di una bella città, si sta bene, con una tifoseria ed una proprietà eccezionali ed ottimi professionisti, con i quali si lavora benissimo. Ed i risultati, infatti, arrivano. Auguri di un grande futuro ai galletti, per i 114 anni del club, da compiere domani.”

Promo