Consultori aperti a Bari per promuovere il benessere delle donne

I consultori della Asl incontrano le donne. Da gennaio fino a giugno il Distretto Socio Sanitario di Bari ha organizzato una serie di giornate dedicate a incontri informativi, di prevenzione e conoscenza su tematiche di salute che coinvolgono direttamente il mondo femminile: dalla contraccezione, alla gravidanza, dalla salute materna dopo il parto all’allattamento.

L’obiettivo delle iniziative è sostenere la donna in alcuni passaggi fondamentali della propria vita e favorire l’avvio di una relazione positiva tra madre e figlio. ”I consultori familiari – spiega la Rosa Porfido, Direttrice del Distretto Unico di Bari nell’ambito delle articolazioni organizzative del Distretto sono i servizi che sostengono le donne in molteplici passaggi fondamentali della vita e nella costruzione del benessere. Dal pensiero condiviso di tutta la comunità degli operatori consultoriali, comunità non a caso a forte prevalenza femminile è nata la volontà di organizzare forme di sostegno, anche innovative, che possano supportare le donne nell’esprimere con maggiore consapevolezza la loro identità femminile e di persone”. E’ fitto il calendario degli incontri messo a punto dalla rete consultoriale di BARI: si comincia mercoledì 19 gennaio alle ore 16.15 con l’iniziativa ”Allattiamo?”, in programma presso il consultorio del quartiere San Paolo. Si tratta di un momento di confronto rivolto alle future o neo mamme che hanno bisogno di informazioni, consigli e indicazioni su come affrontare e gestire l’allattamento al seno e sui benefici che da esso ne derivano. Il secondo appuntamento – sempre con l’allattamento – è per il 26 gennaio e a seguire il prossimo 11 maggio 2022.

 ”Stiamo vivendo una fase storica estremamente complessa caratterizzata tra l’altro da una significativa riduzione della natalità – commenta Marina Provenzano, coordinatrice dei consultori del Distretto di Bari – la pandemia e il maggiore isolamento sociale che ne è conseguito ha acuito le difficoltà delle donne e dei loro nuclei familiari. Per questo abbiamo organizzato queste iniziative per essere più vicini ai bisogni delle famiglie”.

Promo