Petruzzelli. Al via “Conversazioni sull’opera” con Wagner

E’ stato Oreste Bossini a inaugurare ieri sera nel foyer del teatro Petruzzelli di Bari il ciclo di otto incontri ‘Conversazioni sull’opera’ che precederanno le messe in scena. Bossini, musicologo che si è occupato in particolare del Novecento, ha presentato ‘Tristano e Isotta’, l’opera di Richard Wagner che manca dalle scene baresi dalla fine degli anni Quaranta, e che inaugurerà il 25 gennaio la stagione 2022.

‘Tristano e Isotta’, che non rientra nelle opere che compongono la trilogia del ‘Ring’- ha detto Bossini – è molto importante perché prelude, nei temi e nella partitura musicale, a molti avvenimenti che accadranno in Europa nel Novecento”.

“E’ l’opera – ha continuato – che riflette l’incontro tra Wagner e la teoria di Schopenhauer del ‘Mondo come volontà e rappresentazione’, opera cupa caratterizzata dal ‘silenzio’ dei suoi personaggi”.

“Wagner – per Bossini – è tra i pochi musicisti, se non l’unico, che nell’Ottocento ha espresso contemporaneamente musica e poesia”. L’opera sarà in scena fino al 30 gennaio.

Promo