Xylella, Olivami promuove la cura a distanza: manager inglese adotta 100 alberi di ulivo

Adottare un albero di ulivo per aiutare la rigenerazione delle zone colpite da Xylella. È l’obiettivo dell’associazione Olivami nata per dare nuova vita alle zone depresse e aiutare la produzione di olio di qualità. La prima richiesta di adozione è arrivata dall’Inghilterra: un manager che è solito trascorrere le vacanze in Salento, ha chiesto di poter seguire a distanza, giorno dopo giorno, la rinascita di 100 alberi piantati a Carpignano Salentino.

“Per ogni ulivo adottato – spiega il presidente di Olivami Alessandro Coricciati verrà riconosciuto ogni anno, simbolicamente, un litro di olio d’oliva Evo, che verrà spedito direttamente a casa dell’adottante, insieme a un certificato riportante la quantità di CO2 sottratta all’ambiente grazie alla riforestazione”.

“Al momento dell’adozione viene fornito un certificato riportante il nome del contadino virtuale e la localizzazione dell’albero, in modo da poter seguire concretamente la crescita della pianta – continua – chi adotta potrà partecipare alla raccolta delle olive e recarsi nella campagna dove dimora il suo albero in qualsiasi momento, alloggiando in strutture ricettive convenzionate ad un prezzo più favorevole”. Nel progetto sono coinvolti anziani contadini, depositari di saperi e tecniche agricole che “seguono con passione e speranza il percorso di Olivami e i giovani che hanno scelto di non abbandonare la terra”. I fondi raccolti tramite l’adozione verranno devoluti direttamente agli agricoltori che fanno parte dell’associazione per supportarli economicamente sia nella piantumazione che nella conduzione dei nuovi ulivi.

L’obiettivo di Olivami è ricostruire il paesaggio del Salento, restituendo tradizioni, cultura, lavoro e l’antica bellezza del territorio distrutto dal batterio Xylella e contribuire attivamente a contrastare il cambiamento climatico attraverso la piantumazione di nuovi Ulivi, che sono tra le piante con la maggiore capacità di sottrazione di CO2 dall’ambiente. L’associazione, inoltre, si impegna a promuovere presso gli associati l’utilizzo di tecnologie innovative, dai super droni ai trattori a guida autonoma, dall’intelligenza artificiale alla consulenza degli esperti, con l’intento di favorire l’adozione di tecniche agricole 4.0 e insieme contribuire ad abbattere l’impatto ambientale della conduzione dei nuovi uliveti.

Promo