Sul sito del Comune di Bari sarà disponibile una sezione dedicata all’emergenza Ucraina

Sarà disponibile sul sito del Comune di Bari, nella sezione dedicata all’emergenza Ucraina, il vademecum che consente ai profughi ucraini presenti in Italia di richiedere un contributo di sostentamento.

L’iniziativa, promossa dal dipartimento della Protezione civile, prevede un sostegno economico pari a 300 euro mensili e una somma di 150 euro per ogni minore di 18 anni di cui il richiedente è tutore. Il contributo è destinato a chi ha trovato una sistemazione autonoma, anche da parenti, amici o famiglie ospitanti, ed è riconosciuto per un massimo di tre mesi dalla data riportata sulla ricevuta di presentazione della domanda di permesso di soggiorno per protezione temporanea.

Non potranno accedere agli aiuti, invece, i rifugiati che al momento sono alloggiati in strutture messe a disposizione dallo Stato, come i centri di assistenza straordinaria o anche le strutture per l’accoglienza diffusa. Per ricevere gli aiuti, stanziati dal governo italiano, basterà collegarsi al sito del dipartimento della Protezione civile. Si potrà fare richiesta dalla piattaforma preposta entro il prossimo 30 settembre. Intanto sono in fase di pubblicazione, sempre sul sito del Comune di Bari, gli elenchi definitivi delle short list di interpreti volontari e di mediatori linguistico – culturali di lingua ucraina e russa. L’elenco arriva dopo l’avviso pubblico bandito per selezionare persone con competenze linguistiche utili a facilitare l’accesso agli sportelli di orientamento, alle misure di accoglienza e di sostegno previste dall’assessorato comunale al Welfare e favorire l’inclusione socio-culturale dei profughi ucraini in fuga dalla guerra.

Promo