Altamura: 3mila euro di abiti gratis perché «figlio di…», arrestato 36enne per estorsione aggravata dal metodo mafioso

Estorsione aggravata dal metodo mafioso. E’ il reato di cui deve rispondere L.M., 36 anni, con precedenti, residente ad Altamura, nel Barese, destinatario di una misura cautelare emessa dal gip di Bari dopo indagini dei carabinieri.

Per gli inquirenti, a luglio scorso, l’uomo all’interno di un negozio della città federiciana, si sarebbe appropriato di capi di abbigliamento di vario genere senza pagare circa 3mila euro, valore della merce. L.M. era sottoposto alla misura dell’affidamento in prova ai servizi sociali, dopo una lunga detenzione in carcere per una condanna per omicidio, e il suo gesto non è sfuggito ai militari dell’Arma.

Le indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Bari, hanno mostrato che l’uomo aveva compiuto una estorsione ai danni del titolare dell’esercizio commerciale, ricordandogli minacciosamente il suo spessore criminale e quello del padre, ritenuto esponente della criminalità organizzata di Altamura, recentemente arrestato nell’ambito dell’operazione Logos, in modo che non gli chiedesse di pagare né sporgesse denuncia.

Promo