Bari, verso la definizione di regole per gestire la movida in vista della stagione estiva

I Comuni dell’area metropolitana di Bari dovranno definire regole precise per gestire la movida in vista dell’imminente stagione estiva.

La regolamentazione dovrà essere stilata con la collaborazione delle associazioni di categoria e degli esercenti commerciali oltre che dei gestori dei locali di maggiore richiamo per «rendere compatibile l’offerta di svago e divertimento con lo sviluppo del territorio e il grado di vivibilità delle città da parte dei residenti per non pregiudicare i diritti alla quiete, al rispetto del decoro urbano, alla tutela ambientale».

È quanto deciso nel corso della riunione di comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dalla prefetta di Bari Antonia Bellomo e convocato per il previsto e progressivo aumento di persone, soprattutto nei fine settimana, nelle località turistiche del Barese.

Per il controllo sulle coste la direzione marittima per la Puglia, assieme al comando dell’ufficio circondariale marittimo di Monopoli, ha presentato l’estratto della mappatura della costa a sud di Bari che individua varchi, spiagge libere e in concessione, le lame e zone costiere a rischio idrogeologico soggette a divieto di balneazione e transito che sarà a disposizione delle forze di polizia e dei Comuni per le azioni controllo e vigilanza.

«Particolare attenzione nei servizi dovrà essere esplicata negli orari serali e notturni, con l’ausilio della polizia locale e la previsione. da parte delle amministrazioni comunali, del prolungamento degli orari di servizio nelle giornate festive», spiega una nota della prefettura.

All’incontro oltre ai vertici provinciali delle forze di polizia, hanno partecipato il sindaco Mola di Bari, il commissario prefettizio di Polignano a Mare, il direttore generale del Comune di Bari con i rispettivi comandanti delle polizie locali.

Promo