Carabinieri: commemorato a Villafrati il Brigadiere Amenduni Ucciso nel 1946

Cerimonia, questa mattina, a Villafrati, alla presenza del Colonnello Sebastiano Arena, Comandante del Gruppo Carabinieri di Monreale, del Maggiore Marco Montemagno, Comandante della Compagnia di Misilmeri, del Sindaco e del Parroco di quel Comune, dei sindaci di Campofelice di Roccella, Godrano, Cefalà Diana, Ciminna e Lercara Friddi, la cerimonia di commemorazione del Brigadiere Vincenzo Amenduni, Medaglia d’Oro al Valore dell’Arma dei Carabinieri, trucidato nella strage di “Feudo Nobile”, nell’agro del comune di Mazzarino (CL), avvenuta nel 1946.

Il Comandante della Stazione di Villafrati, il Dirigente del Commissariato di Termini Imerese e una delegazione dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Villabate, si sono stretti attorno ai familiari del Caduto intervenuti. La cerimonia, nella piazza intitolata all’eroe, è stata scandita dalle note della Fanfara del 12° Reggimento Carabinieri Sicilia.

Il Brigadiere dei Carabinieri nacque a Ruvo di Puglia il 21 Marzo 1906. Dopo aver conseguito la maturità Classica, svolse il servizio Militare come Carabiniere Ausiliario presso la Stazione Carabinieri di Villafrati. Nel corso della sua permanenza in Villafrati conobbe la moglie Maria Masi, che sposerà dopo aver terminato il servizio Militare e dalla quale avrà tre figli: Amelia, Michele ed Elvira. Stabilendosi a Villafrati, grazie al titolo di studio conseguito, viene assunto come impiegato presso l’esattoria Comunale.

Nel 1940, dopo l’inizio del conflitto mondiale, venne richiamato in servizio con il grado di Brigadiere e successivamente inviato al Comando della Stazione Carabinieri di Feudo Nobile, nel territorio di Mazzarino (CL). Nella mattinata del 1O gennaio I 946, il Brigadiere Vincenzo Amenduni intraprese con i propri militari dipendenti un servizio di perlustrazione, spingendosi verso la contrada Giaquinto nei pressi dell’Ex Feudo Nobile in agro di Gela (CL).

Giunti nei pressi delle case denominate Bonvissuto, i militari si trovarono improvvisamente circondati da una numerosa formazione dell’E.V.I.S (Bande Armate dello pseudo Esercito Volontario per la Liberazione della Sicilia). Ne seguì un conflitto a fuoco a seguito del quale i Carabinieri, dopo aver opposto resistenza, venivano sopraffatti e catturati. Successivamente i capi della Banda Armata organizzarono una spedizione per depredare la caserma di Feudo Nobile la quale successivamente venne incendiata. I fuorilegge si ritirarono portando con loro tutti i militari, compreso il Comandante della Stazione Brig Amnenduni. La sera del 28 Gennaio 1946 i militari vennero prelevati dai banditi e condotti in una miniera abbandonata ove vennero barbaramente trucidati a raffiche di mitra.

Promo