Istituzione Parco Regionale “Lama San Giorgio e Giotta”. I Comuni scrivono alla Regione

Riattivare la
procedura di concertazione tra Regione Puglia e ogni altro Ente interessato per
riprendere l’iter di istituzione del
Parco Regionale “Lama San Giorgio e Giotta
”. È l’obiettivo della
comunicazione inviata alla Regione Puglia da cinque Comuni sottoscrittori, con
il Comune di Noicàttaro primo firmatario, interessati dall’attraversamento
delle lame San Giorgio e Giotta per sollecitare la ripresa dell’iter
finalizzato all’istituzione del Parco Naturale.

 

“Non possiamo più procrastinare – dichiara il sindaco di
Noicàttaro Raimondo Innamorato
– in quanto i nostri territori hanno già avviato percorsi virtuosi, anche
mediante finanziamenti regionali e ministeriali, con l’obiettivo di valorizzare
l’ambiente storico – naturalistico da cui i nostri territori sono
caratterizzati. Per questo oggi è necessario riprendere le fila di un discorso
che si è interrotto da troppo tempo”.

 

Alla proposta di
istituzione del Parco Naturale Regionale “Lama San Giorgio e Giotta”, durante
la concertazione Regione-Comuni nel 2002, hanno aderito i Comuni di Bari, Casamassima, Gioia del Colle, Noicàttaro, Rutigliano,
Sammichele di Bari e Triggiano.
Nel luglio del 2017 la procedura è stata
riattivata con la sottoscrizione della perimetrazione aggiornata dell’area del
Parco presso la Regione Puglia alla presenza degli stessi Comuni, a cui hanno
fatto seguito diversi incontri interlocutori presso Città Metropolitana di Bari
per la condivisione del Disegno di Legge, portato poi all’attenzione degli
organi regionali a fine 2018.

 

“Dal 2018 è seguita una fase di stallo che non può più
protrarsi a lungo. Ecco perché abbiamo ritenuto necessario sollecitare,
attraverso una comunicazione congiunta, la riattivazione della procedura. I
territori aspettano da troppo tempo. Auspichiamo che la sinergia tra i sindaci
dei Comuni interessati possa dare il necessario impulso alla riattivazione e
conclusione dell’iter”
, conclude il sindaco

Promo