Capone a Brindisi per il festival “Musica sull’Appia”

«La cultura ha il potere di aggregare una comunità e talvolta anche di orientarla». Così la presidente del Consiglio regionale della Puglia, Loredana Capone, alla conferenza stampa di presentazione del festival “Musica sull’Appia” in programma a Brindisi dal 24 al 26 giugno prossimi.

«Sono orgogliosa – ha proseguito – che il Consiglio regionale abbia sostenuto, per il secondo anno consecutivo, questo bellissimo festival, perché attraverso l’arte, la musica, si crea un contatto emotivo con il luoghi della propria città e perché è fondamentale che questi siano abitati, vissuti. Solo così le cittadine e i cittadini si affezioneranno sempre più ai loro beni e, quindi, faranno di tutto per non pregiudicarne mai la loro bellezza, con la consapevolezza che quanto più saranno aperti alle persone, quanto più attorno a essi si riuscirà a fare comunità, tanto più la città potrà beneficiarne, dal punto di vista economico ma soprattutto sociale. È quello che abbiamo provato a fare come Regione quando ero assessore alla Cultura: valorizzare i beni avendo cura di riempirli di contenuti, affinché si facessero casa per le idee più innovative e per i nostri giovani, affinché chi si laurea in beni culturali magari decida di girarselo pure il mondo ma poi ritorni, perché sa che nella sua città, nel suo paese, c’è posto per il suo talento». 

«Ecco io penso che il Museo Ribezzo sia un’emblema di questa grande sfida e quant’è bello e vivo oggi? E poi è anche un modo per dire grazie a chi questi gioielli ce li ha tramandati, che non voleva donare un muro ma provare a soddisfare un bisogno. Dobbiamo incentivare questo percorso, e stimolare l’uso delle nuovissime tecnologie, così da essere sempre più orgogliosi delle nostre città e, contemporaneamente, sempre più competitivi».

Tanti gli eventi che allieteranno la città, dai concerti alle performance di arte visiva e coreutica. Spettacoli che riuniscono le espressioni musicali di eccellenza del territorio con nomi di rilevanza nazionale e internazionale chiamati a esibirsi in alcuni dei luoghi simbolo della città di Brindisi: dal Castello Federico II al bellissimo Chiostro di S. Paolo, al Fojer del Teatro Verdi. Ad aprire la tre giorni, il 23 giugno, il concerto del Coro Polifonico Parsifal, fiore all’occhiello dell’Associazione, che si esibirà nella Cattedrale di Brindisi per i festeggiamenti in onore del suo patrono S. Giovanni. Da Debussy a Schubert, a Stravinsky, l’offerta musicale comprenderà composizioni mai rappresentate in Puglia ed eseguite da grandi artisti provenienti da tutto il mondo. Ospite d’eccezione del Festival il coreografo e ballerino Toni Candeloro.

Promo