Bari, espugnata Perugia con un bel 3-1: ora occhio al mercato

Il Bari espugna Perugia con un secco 3-1, e si piazza al sesto posto in classifica, con 5 punti dopo tre giornate, collezionando la prima vittoria in campionato dopo un paio di pareggi.

La squadra di Mignani, dopo lo spavento iniziale, con il rigore per gli umbri parato ad Olivieri da uno strepitoso Caprile, ha trovato il vantaggio con una splendida azione al 10’, ben finalizzata da Folorunsho. Il primo tempo del match si è chiuso così con i galletti in vantaggio di misura, anche grazie ad un altro paio di interventi ragguardevoli del portiere biancorosso, decisamente in giornata di grazia.

Fortunato il raddoppio dei pugliesi, con Cheddira pronto a depositare il pallone in rete al 54’, a porta sguarnita dopo un pasticcio difensivo degli uomini di Castori. Per il marocchino, è il settimo gol stagionale in 5 partite, Coppa Italia inclusa, e con questi dati non c’è da stupirsi se il Marocco pensa anche a lui per il prossimo Mondiale.

Dopo la rete dei padroni di casa con Strizzolo al 57’, a chiudere il match ci ha pensato Antenucci a venti minuti dalla fine. La reazione perugina ha portato ad un palo ed ad un gol annullato a Melchiorri dal Var. Il Bari, con una prestazione coriacea e gagliarda, nonostante qualche scricchiolio in fase difensiva, si è assicurato l’intera posta in palio, portandosi momentaneamente in zona playoff.

Ora il compito della società e del diesse Polito è completare una compagine bisognosa ancora di qualche innesto, nel mercato in chiusura il prossimo primo settembre. Per sognare obiettivi importanti, in una piazza che merita altri palcoscenici, servono ora i giusti investimenti in sede di contrattazioni. 

Promo