Matera, tre litografie di Luigi Guerricchio in dono a Papa Francesco

In occasione della visita pastorale di Papa
Francesco – mattina del 25 settembre 2022, al termine del 27° Congresso
eucaristico nazionale— il sindaco di Matera, Domenico Bennardi(M5S), donerà al
Pontefice tre litografie realizzate nel 1974 dall’artista Luigi Guerricchio.
Quest’ultime acquistate da un collezionista privato,  C.S.O., 
al prezzo complessivo di 1.500,00 euro, iva esente.

“La pittura di Luigi Guerricchio(1932-1996)— è
scritto nel catalogo  “Guerricchio in
Mostra” 30 giugno-5 novembre 2006 Palazzo Lanfranchi in Matera, curato da
Giuseppe Appella, Agata Altavilla e Paolo Venturoli—è ispirata dalle immagini e
 dai paesaggi  a lui familiari : i Sassi di Matera in primo
luogo ma anche le campagne e le case, il lavoro e le feste della gente del Sud.
L’interesse per l’uomo e per il suo stato nella società e nell’ambiente in cui
vive si traduce in un realismo figurativo permeato di cultura e tradizione
popolare. Trasferisce in pittura gli stati d’animo e i sentimenti che emergono
dalla realtà oggettiva. Alla fine della sua attività diventa testimone dei
cambiamenti della società lucana mantenendo una forte carica espressiva e una
approfondita analisi psicologica dei personaggi protagonisti delle sue opere.

“ Il tempo e il luogo fanno un pittore” è
l’idea che Guerricchio condivide con Carlo Levi e Rocco Scotellaro a cui fu
legato da profonda amicizia”.

Nel volume, 
di Mariadelaide Cuozzo e Michele Saponaro, inerente  la Mostra “ Guerricchio Anni Settanta” Matera
Ferrara Art Gallery 8 luglio-13 agosto 2022 si leggono le seguenti parole di
Luigi Guerricchio: “ La figurazione ha contraddistinto la mia pittura fin dagli
inizi: “Vedere le cose sotto forma di sfere,di cubi…” diceva Cèzanne, e questo
fu il primo insegnamento che seguii. Poi appresi da Picasso che “ il pittore
non deve avere soltanto le mani per dipingere ma anche la testa per pensare”.
Ed io ne avevo di motivi per pensare, guardando la realtà che mi circondava, considerando  le condizioni drammatiche in cui versava la
gente che viveva a pochi passi da casa mia”.

“L’appuntamento di Matera—rileva il Cardinale
Matteo Zuppi, Presidente della CEI—sarà anche l’occasione per rilanciare
l’attualità del messaggio del Concilio Vaticano II, alla vigilia del 60°
anniversario della sua apertura”.

 Il tema
al centro del Congresso Eucaristico è “Torniamo al gusto del pane. Per una
Chiesa eucaristica e sinodale”.

“Tornare al gusto del pane—sottolinea il
Cardinale Zuppi—assume un valore ancora più profondo in un momento in cui le
pandemie del Covid e della guerra ci chiedono di spezzare il pane dell’amore,
specialmente con quanti si trovano in situazioni di fragilità e povertà”.

 

 NINO SANGERARDI

Promo