Giornata della psico-oncologia: la fatica della malattia, prendersi cura del caregiver

Il tema della sesta giornata nazionale della Sipo, la Società italiana di psico-oncologia, che si terrà venerdì 22 settembre, sarà “La fatica della malattia. Prendersi cura del caregiver”. Per l’occasione l’Istituto tumori “Giovanni Paolo II” di Bari, Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico, ha organizzato un dialogo aperto con le famiglie dei pazienti che inizierà alle ore 17, nell’ambulatorio “Don Tonino Bello”, in Viale Orazio Flacco 65.

Interverranno Alessandro Delle Donne e Pietro Milella, direttore generale e direttore sanitario dell’oncologico barese, Gennaro Palmiotti, dirigente responsabile della struttura semplice dipartimentale Oncologia medica per la presa in carico del paziente oncologico “Don Tonino Bello”, e Francesco Giotta, coordinatore della Breast care unit. Gli psicologi dell’istituto saranno a disposizione per rispondere alle domande dei familiari dei pazienti su sessualità, stigma del fumatore, familiarità dei tumori, alimentazione, cambiamenti fisici, sociali e relazionali e terapie complementari.

“Accoglienza, umanizzazione e qualità nell’assistenza – afferma Delle Donne – sono priorità e missione del nostro istituto. Oltre all’incontro per tre giorni, dal 21 al 23 settembre, i nostri psicologi saranno negli ambulatori di tutto l’istituto per supportare i familiari e promuovere i servizi offerti nel segno del benessere psicologico”.

Il servizio di psico-oncologia del “Giovanni Paolo II” si occupa della presa in carico psicologica e psicoterapeutica dei pazienti, ma anche dei familiari attraverso percorsi psico-oncologici mirati e psicoterapia individuale, di coppia, di gruppo e familiare. È, inoltre, attivo un servizio di terapie complementari: musicoterapia, meditazione e reiki.

Promo