Vivo cordoglio nel Foro di Bari per la scomparsa dell’Avv. Antonio Longo

E’ morto nella notte -dopo lunga malattia- il principe del foro Antonio Longo, 65 anni. Tantissimi i messaggi di cordoglio che si stanno susseguendo sui social. Messaggi che ricordano l”uomo, il professionista, l”amico.

Tra questi, quello della « presidente Serena Triggiani con tutte le consigliere e i consiglieri, con dipendenti dell’Ordine, il Comitato Pari Opportunità, la Scuola Forense, i consiglieri del Consiglio di Disciplina e le colleghe e i colleghi tutti , addolorati, piangono la scomparsa dell’avvocato Antonio Longo, mite signorile gioviale e competente guerriero dei diritti, amico di tutti».

O, ancora, il ricordo dell’ex presidente dell’ordine degli avvocati Giovanni Stefanì: «sempre disponibile, sempre garbato e sempre piacevole, senza infingimenti e senza rancori. Non hai certamente meritato di finire prima la corsa della vita ma non ho dubbi che ti sia meritato di fare buon viaggio e un posto comodo quando arriverai. Perché lí ci sarà la giustizia che qui non esiste. Ciao amico mio. Ciao Tongo».

O il saluto aneddotico del penalista Michele Laforgia: «47 anni fa…È stata la mia prima vacanza lontano da casa un innocuo campeggio libero a poca distanza da Bari. Io avevo tredici anni, Antonio era appena maggiorenne. 47 anni dopo non c’è più, se n’è andato non so come, non capisco perché…Sono andato a rivedere il suo profilo, ancora intatto. Ci sono le sue cose, i suoi racconti del bar di Carrassi, la sua sottile ironia. La passione politica. Il calcio. Come se fosse ancora con noi. Antonio, invece, non c’è più. Ho cercato una sua foto e non mi ha sorpreso non trovarla, fra le sue. Antonio era così: schivo e sincero sino al midollo. Ho dovuto cercarla altrove e l’ho trovata proprio di quell’epoca, dell’anno del campeggio, di quel 31 dicembre… “Era una beatitudine in quell’alba essere vivi. Ma essere giovani era un Paradiso.” Buon viaggio, amico mio»

Promo