Stabilizzazioni in sanità. M5S: “Finalmente si va nella direzione giusta“

«Grazie alla delibera approvata ieri in Giunta dal primo gennaio saranno stabilizzati 3333 operatori del comparto sanitario. Tra loro 2258 unità di personale infermieristico e 454 OSS. Una notizia importante per l”intero comparto, che permetterà ad Asl, IRCCS e policlinici di lavorare con organici finalmente adeguati alle esigenze dei pazienti. Personale che è stato indispensabile nella pandemia. In particolare nella Asl Bat ci saranno 380 stabilizzazioni; 427 nella Asl di Taranto; 824 tra Asl di Foggia ‘Ospedali Riuniti’ e 463 operatori saranno stabilizzati nella Asl di Lecce». Lo dichiarano i consiglieri di maggioranza del M5S Marco Galante, Grazia Di Bari e Cristian Casili e l’assessora al Welfare Rosa Barone.

«Maggior personale – continuano i pentastellati – significa innanzitutto migliore qualità dell’assistenza e cura per le persone e maggiore sicurezza per gli operatori sanitari. A questo bisogna aggiungere ulteriori 15 milioni nella prossima legge di bilancio, per l’abbattimento delle liste d’attesa oltre ai 15 già messi in assestamento. Continueremo a monitorare la spesa per la riduzione dei tempi d’attesa per poter eseguire visite ed esami diagnostici. L’avvio delle stabilizzazioni scongiurerà anche il rischio di costruire case e ospedali di comunità grazie al PNRR senza poterli dotare di personale adeguato. Da tempo chiediamo il potenziamento della sanità territoriale, in modo da evitare gli accessi impropri in ospedale e snellire le liste d’attesa e finalmente riusciamo ad andare nella giusta direzione e in maniera omogenea sull’intero territorio».

Promo