Bari, 1600 studenti imparano a dire No alle dipendenze

Psicologi, esperti, educatori, assistenti sociali insieme per prevenire le dipendenze. L’istituto Santarella-De Lilla ha partecipato al progetto “Da che dipende?, finanziato dall’Assessorato al Welfare del comune di Bari e gestito dalla cooperativa sociale C.A.P.S. E’ stato spiegato agli studenti, in maniera creativa e dettagliata, il mondo delle dipendenze e delle sostanze stupefacenti. Sono state applicate attività interattive ed esperienziali utilizzando anche tecnologie innovative, come i simulatori di guida per dimostrare a circa 1.600 ragazzi, tra i 12 e 18 anni, i rischi che corrono abusando di sostanze psicoattive, sensibilizzandoli e facendoli riflettere sulla realtà del mondo delle dipendenze.

Il progetto che ha coinvolto oltre gli istituti anche molti enti (centri di aggregazione, agenzie educative) ha come obiettivi: informare sulle sostanze psicoattive e i rischi collegati ad esse; sensibilizzare sui rischi d’incidentalità collegati all’uso di sostanze; accrescere la consapevolezza sui rischi delle sostanze stupefacenti; ridurre i comportamenti a rischio; promuovere comportamenti di guida responsabile tra i giovani.

Il progetto nell’Istituto Santarella-De Lilla si è concretizzato in incontri con esperti che per interagire con gli studenti hanno usato vari mezzi: questionari anonimi online, percorsi esperienziali, lezioni di sensibilizzazione con powerpoint, uso di occhiali alcolvista durante un piccolo percorso con ostacoli (per far vedere realmente la nostra vista sotto l’effetto dell’alcol), simulazione di guida sotto effetto di alcol.

Il progetto si è concluso il 21 dicembre nella sala consiliare del comune di Bari, dove gli esperti della cooperativa C.A.P.S hanno condiviso con gli studenti del De Lilla e dell’istituto De Nittis-Pascali i risultati del progetto, ci sono stati scambi di opinioni riguardo le dipendenze e l’uso di sostanze, sono stati condivisi i risultati del progetto. Le droghe e l’alcol in particolare, commentano gli esperti, sono molto diffusi tra i giovani che sottovalutano molto spesso gli effetti e le conseguenze di queste sostanze in quanto molto facilmente reperibili: l’abuso di droghe pesanti può causare cambiamenti improvvisi di umore e tendenza alla depressione, oltre al deterioramento del sistema immunitario ed esaurimenti nervosi.

Perciò la cooperativa s’impegna a combattere lle dipendenze, puntando innanzitutto sulla prevenzione. I giovani devono essere educati circa l’abuso di sostanze stupefacenti o di alcool: solo sviluppando in loro la consapevolezza sui rischi in cui possono cadere, si potrà scongiurare un comportamento pericoloso, insegnando loro a seguire uno stile di vita sano.

Ivana Dragone Istituto Santarella-De Lilla IVC

Promo