“Dopo di me viene un uomo che è avanti a me”, il caffè spirituale di mons. Savino

CAFFÈ SPIRITUALE                     

 MARTEDÌ 03 GENNAIO 2023

FERIA PROPRIA DEL 3 GENNAIO

SANTISSIMO NOME DI GESÙ

          ====☕️====

                —–•••—–

«Nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi
nei cieli, sulla terra e sotto terra,
e ogni lingua proclami: «Gesù Cristo è Signore!», a gloria di Dio Padre». (Fil 2,10-11)

✠ Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

VANGELO 

Ecco l’agnello di Dio.

✠ Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 1,29-34).

In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele». Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio».

MEDITAZIONE 

San Cirillo di Gerusalemme [(313-350) vescovo di Gerusalemme e dottore della Chiesa],
Catechesi battesimale n°3, 14-15

Prepara il contenitore dell’anima per divenire figlio di Dio

Gesù Cristo era Figlio di Dio, tuttavia non predicò prima del suo battesimo. Se il Maestro stesso disponeva il tempo secondo un ordine, dovremmo noi, servi, divenire temerari e pasticcioni? Gesù si mise a predicare esattamente quando lo Spirito Santo scese su di lui sotto forma di una colomba, non per una prima manifestazione a Gesù (poiché lui conosceva lo Spirito prima che venisse sotto forma corporea), ma perché Giovanni, che battezzava Gesù, vedesse lo Spirito. “Io, dice infatti Giovanni, non lo conoscevo, ma chi mi ha inviato a battezzare con acqua mi aveva detto: L’uomo sul quale vedrai scendere e rimanere lo Spirito è colui che battezza in Spirito Santo” (Gv 1,33).

Se hai anche tu una sincera pietà, su di te pure scenderà lo Spirito Santo, e dall’alto si farà sentire la voce del Padre: non: “Questi è mio Figlio” (Mt 3,17), ma: “questi è ormai divenuto mio figlio”. Poiché il verbo “è” appartiene solo a lui, perché “In principio era il Verbo, il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio” (Gv 1,1). A lui si applica il verbo “è” perché egli è sempre Figlio di Dio; a te si applica invece: “egli è ormai divenuto”, perché tu non possiedi per natura il nome di figlio, ma lo ricevi per adozione. Lui “è” eternamente: tu ricevi progressivamente la grazia.

Prepara dunque la tua anima per divenire figlio di Dio, erede di Dio e coerede di Cristo (cfr Rm 8,17). E ti prepari bene se progredisci dalla fede alla ferma convinzione, se scegli di “spogliarti dell’uomo vecchio”.

PADRE NOSTRO…

ORAZIONE 

O Dio, nell’incarnazione del tuo Verbo hai posto
il fondamento all’opera della salvezza del genere umano:
concedi la tua misericordia al popolo che la implora,
perché tutti riconoscano che non c’è altro nome da invocare
per essere salvati, se non quello del tuo unico Figlio. Egli è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

✠ Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna. Amen.

               ******

«O Signore, Signore nostro, quanto è grande il tuo nome su tutta la terra!» (Cf. Sal 8,2)

In Cristo Gesù, nostra Speranza, Via, Verità e Vita, sia benedetta questa giornata.

+ don Francesco

Promo