Prezzo del grano duro pugliese in discesa: la preoccupazione di Coldiretti

Continua la discesa dei listini dei prezzi del grano duro pugliese che tocca i 490 euro a tonnellata. È quanto afferma Coldiretti Puglia, in riferimento alla nave Emerald, partita dal porto di Azov in Russia, arrivata al porto di Bari per scaricare grano.

La Puglia è il principale produttore italiano di grano duro, con 360.000 ettari coltivati e 10 milioni di quintali prodotti in media all’anno. La domanda di grano 100% Made in Italy si scontra con anni di disattenzione e di concorrenza sleale anche se si registra il balzo dell’export della pasta pugliese nel mondo con un aumento delle vendite all’estero del 44% nei primi 6 mesi del 2022. Per l’associazione «occorre lavorare per accordi di filiera tra imprese agricole e industriali con precisi obiettivi qualitativi e quantitativi e prezzi equi che non scendano mai sotto i costi di produzione».

«Bisogna invertire la tendenza e investire per rendere il Paese il più possibile autosufficiente per le risorse alimentari facendo tornare l’agricoltura centrale negli obiettivi nazionali ed europei», conclude Coldiretti nel sottolineare che nell’immediato occorre salvare le aziende agricole da una insostenibile crisi finanziaria per poi investire per aumentare produzione e le rese dei terreni.

Promo