Lavoro a Bari: Arif, sindacati annunciano mobilitazione e assemblee

Si è tenuta oggi a Bari l’assemblea unitaria convocata dalle segreterie regionali di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil di Puglia dopo l’approvazione da parte del Consiglio regionale della legge 30 che prevedrebbe, a partire dallo scorso primo gennaio, l’applicazione del Ccnl delle funzioni locali per i 745 dipendenti dell’agenzia regionale per le attività irrigue e forestali.

«Una scelta della Regione Puglia che penalizzerebbe i lavoratori sia dal punto di vista salariale che contributivo – dichiarano i tre segretari regionali di Fai, Flai e Uila, Paolo Frascella, Antonio Gagliardi e Pietro Buongiorno una decisione che peraltro arriva dopo le intervenute novità normative del 2021 che hanno dissipato ogni dubbio sulla piena possibilità di applicazione del contratto di natura privatistica alle amministrazioni pubbliche, unica ragione paventata dall’amministrazione regionale come ratio legislativa per la modifica normativa».

Le sigle sindacali hanno confermato lo stato di agitazione, indetto assemblee in tutti i cantieri pugliesi dell’Arif a partire dall’11 gennaio ed al contempo hanno annunciato una giornata di mobilitazione per il giorno 30 gennaio prossimo con un presidio dei lavoratori davanti alla presidenza della Regione Puglia.

«Andremo avanti – annunciano i sindacati – sino a quando la Regione Puglia non rivedrà le proprie decisioni che stanno provocando preoccupazione tra i lavoratori, i quali vedono un futuro senza certezze e con meno garanzie».

Promo