ADDIO VIVIENNE WESTWOOD: UN RICORDO DI LEI

Se io avessi una bacchetta magica vorrei essere Vivienne Westwood. Lei era una persona mitica, è stata una stilista ribelle, ha creato vestiti originali, con quel suo tocco particolare da renderli vere faville. E’ stata, a parer mio, la persona più fantastica al mondo, è riuscita a farsi rispettare da tutti, diventando così un esempio, semplicemente meravigliosa con il suo carattere eccentrico e formidabile. Ha fatto di tutto nella vita: ha creato una moda ecosostenibile , è stata definita dalla stampa internazionale “MADRINA DEL PUNK”; il suo impegno di attivista ha riguardato le battaglie contro il riscaldamento globale, per l’indipendenza della Scozia, per i diritti LGBT, e per il vegetarianismo. E’ diventata Dama di Commenda dell’impero Britannico, è stata premiata cinque volte al British Fashion Award, ha avuto il titolo di Designer of the year. Ha utilizzato la sua notorietà per sostenere i diritti civili. In sostanza il suo impegno è stato degno di nota. Per me è un esempio di vita che mi ha suscitato diverse emozioni, spingendomi a capire quanto sia importante avere cura dei più fragili di lottare e amare la propria patria. E’ stata una persona pura, ha mettendo la sua vita al servizio degli altri. Ha avuto molti epigoni , anche se nessuno può superarla, è imbattibile! il suo carisma unico, non si è mai arresa anche durante delle difficoltà ha saputo rialzarsi con il sorriso e con la voglia di continuare a fare del bene. Ne ha passate di tutti i colori: presa in giro per il suo stile definito “ Fuori dalla normalità “, i suoi coetanei la definivano strana, anche se non lo era, era semplicemente se stessa, e gli insulti che riceveva, a lei scivolavano e non gli importavano, aveva coraggio da vendere. E’ sempre stata se stessa, riuscendo a mettere a proprio agio le persone escluse. Vorrei essere una “ Little Vivienne”, combattere il mondo, rivoluzionarlo ed essere ricordata come l’artefice di qualcosa di mitico ,fuori dall’ordinario. Vivienne è la mia musa ispiratrice, è grazie a lei che sono così, devo a lei tutta la mia vita, mi ha trasmesso le felicità costante, la voglia di aiutare tutti, soprattutto i più fragili, ed essere empatica per cercare di capire ciò che prova il prossimo, arricchendomi per il futuro e diventando più sensibile. Per me Vivienne rappresenta, la vita, un vulcano di emozioni, una persona troppo speciale, che non smetterà mai di brillare. Il ricordo di lei rimarrà per sempre nel mio cuore lasciandomi un segno indelebile.

ADDIO VIVIENNE WESTWOOD!

Luciana Minervini, 3^A sc. sec. di I gr. IC “Tattoli – De Gasperi”, Corato

Promo