“Il pane e il piombo. L’eccidio proletario di Bari del 1910” , il nuovo saggio dello storico Mario Gianfrate

L’eccidio di Bari dell’agosto 1910 si inquadra nel clima di repressione – esercitata in quegli anni dai governi giolittiani per mezzo delle forze di polizia –, delle lotte e delle rivendicazioni popolari, legate al rincaro dei fitti nel caso specifico, delle pigioni da corrispondere ai proprietari delle abitazioni, in molti casi, vere e proprie catapecchie, ma anche a quello più generale del costo dei viveri di prima necessità come la farina e il pane. La cronaca degli eventi del tempo evidenzia non solo le condizioni di estrema povertà delle masse proletarie pugliesi e lo sfruttamento agrario e padronale a cui erano sottoposte e la stessa mancanza di lavoro, ma anche e soprattutto, come si rileva proprio nell’eccidio analizzato dal saggio in oggetto, l’uso improprio – o l’abuso – delle armi da parte delle forze poliziesche che non esitano a usare violenza, sparare – e uccidere – su una folla inerme che reclamava soltanto i propri diritti. Una situazione – l’uso improprio della violenza e delle armi da parte di carabinieri e militari – che ci riporta a tempi più recenti e a una riflessione su fatti che non possono essere elusi.

 

 

BIOGRAFIA

 

Mario Gianfrate. Storico, scrittore, autore di testi teatrali, già collaboratore dell’Avanti! negli anni ’80 e del Corriere del Giorno. Ha svolto attività di ricerca presso l’Istituto Pugliese di Storia dell’Antifascismo e con la Fondazione “Giuseppe Di Vagno”. È autore di numerose pubblicazioni di narrativa e saggistica.

 

Promo