Primo maggio, Cgil Puglia: “lavoratori hanno salvato Paese”

Sicurezza sul lavoro, dignità, lotta alla precarietà, difesa dei diritti dei lavoratori nel nome della Costituzione e dei valori dell’antifascismo.

Sono stati questi i temi toccati oggi dalla Cgil Puglia nel corso della cerimonia con l’Anpi che, in occasione del primo maggio, si è tenuta in piazza Chiurlia a Bari dove sono state posate tre corone di fiori dinanzi alla lapide che ricorda il sindacalista Giuseppe Di Vittorio e la difesa della Camera del lavoro dall’assalto squadrista nel 1922. Presenti il segretario regionale del sindacato, Pino Gesmundo, con la segretaria di Bari, Gigia Bucci, rappresentanti del’Anpi e il sindaco di Bari, Antonio Decaro, «Oggi è il giorno della festa dei lavoratori – ha detto Gesmundo – di coloro i quali hanno salvato questo Paese nei momenti più difficili, dalle lotte partigiane alle lotte contro il terrorismo, di chi ci ha fatto uscire dal covid e di chi ci farà uscire da questo momento drammatico, di guerra, di inflazione , di povertà. I lavoratori difenderanno sempre la Costituzione, siamo al 75esimo anno, i valori dell’antifascismo sono pregnanti, nessuno puo metterli in discussione, e lì nella costituzione, i valori del lavoro, della centralità del lavoro e dei lavoratori e delle loro rappresentanze sono pregnanti».

«Facciamo una grande alleanza – ha concluso – istituzioni politica, cittadini, lavoratori, ma sapendo da che parte stare, non siamo tutti uguali».

News dal Network

Promo