In Puglia il 60% dei medici internisti è depresso, il 21% vuole licenziarsi

Il 60% dei medici pugliesi che lavora nei reparti ospedalieri di Medicina interna è «depresso, stressato e in perenne carenza di sonno per orari di lavoro che vanno ben oltre il lecito, carichi di lavoro impossibili da gestire» e il 21% sta pensando di licenziarsi.

E’ quanto rileva lo studio condotto da Fadoi, la Federazione dei medici internisti ospedalieri presentato questa mattina a Milano al 28esimo congresso nazionale. Il tutto sarebbe aggravato dalla «mancanza di riconoscimento del valore di quanto con competenza professionale si fa, un numero di pazienti per medici e posti letto che rende quasi impossibile instaurare un rapporto empatico con i pazienti e la burocrazia che rende tutto ancora più difficile», si legge nel rapporto. In gergo tecnico è chiamata ‘Sindrome da burnout’, un insieme di sintomi determinati da uno stato di stress permanente con il quale devono vivere il proprio lavoro il 60% dei medici pugliesi internisti.

Secondo i dati presentati oggi, in Puglia il 60% tra medici che lavorano nelle Medicine interne dichiara di essere in burn-out e il 21% di aver pensato di licenziarsi nell’ultimo anno. Il 25% riferisce di sentirsi emotivamente sfinito, il 36% di essere sfinito al termine di ogni giornata lavorativa e solo il 18% di essere frustato dal proprio lavoro. Il 32% ritiene di lavorare troppo duramente. Poco più del 50% ritiene di affrontare efficacemente i problemi dei propri pazienti, di essere rallegrato dopo aver lavorato con i pazienti (56%) e di influenzare positivamente la vita di altre persone attraverso il proprio lavoro (59%). Incrementa la percentuale (63%) di chi ritiene di aver realizzato cose di valore con il proprio lavoro.

    Il covid ha inciso negativamente sulla vita della metà dei medici e degli infermieri pugliesi (53%).

News dal Network

Promo